Vie dei Tesori: un weekend alla scoperta di luoghi eccezionali tra Palermo e Catania | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

da venerdì 18 a domenica 20 ottobre

Vie dei Tesori: un weekend alla scoperta di luoghi eccezionali tra Palermo e Catania | VIDEO

17 Ottobre 2019

Guarda il video in alto

Andar per cantieri, osservare da vicino i restauratori, porre anche qualche domanda: quest’anno Le Vie dei Tesori permette esperienze molto particolari.

E questo terzo weekend, da venerdì 18 ottobre a domenica 20, le possibilità saranno davvero tante: a Palermo apre le porte Villino Ida, la casa privata che Ernesto Basile si costruì a sua immagine.

Sarà possibile visitare lo studio, le stanze dove l’architetto disegnò e firmò ogni arredo, ogni pomello. Una possibilità unica, visto che il Villino è sottoposto a restauro, così come avviene anche a Villino Favaloro, dove la visita è consentita a sole 8 persone per volta e su prenotazione, con tanto di caschetto di sicurezza.

Sono tutti e due visitabili solo di venerdì. Se poi volete completare il “percorso Liberty“, raggiungete anche Villino Florio, la quintessenza della mano del Basile, dove quest’anno è visitabile anche il giardino.

Anche in questo terzo fine settimana la scelta tra i siti sarà veramente difficile: tra i luoghi aperti con coupon “multiplo“, siti su prenotazione, visite teatralizzate in costume, degustazioni in palazzi storici, e un trio di chitarra, raro e prezioso, che risuonerà in oratorio.

Sarà visitabile per la prima volta in assoluto nel festival, questo sabato e domenica, ma è già sold out, Villa Pajno, la residenza privata del Prefetto: un trionfo moresco affacciato su via Libertà.

Meglio prenotare invece la visita a Villa Whitaker, anch’essa della Prefettura, che il prossimo e unico weekend (26 e 27 ottobre) riaprirà eccezionalmente le porte, dopo il grande successo dei giorni scorsi.

A fronte dei 160 luoghi che apriranno a Palermo, ce ne sono altri 50 a Catania dove si potranno visitare i due antichi Bastioni, il complesso multiforme della Cattedrale, tra saloni e cappelle di solito chiusi al pubblico, seguire il percorso su Sant’Agata ma soprattutto scendere nelle antiche terme, sia quelle della Rotonda che quelle dell’Indirizzo (poi bisognerà aspettare l’ultimo weekend), e nelle terme Achilliane sotto la Cattedrale (solo su prenotazione).

Scatta invece l’ultimo fine settimana tra vicoli barocchi e muretti a secco del Ragusano, con chicche splendide: proprio a Ragusa, in collaborazione con Scale del Gusto, sarà possibile salire in notturna su tre torri campanarie, di cui una, Santa Maria delle Scale, del tutto inedita, mentre a Modica ci si dividerà tra “dolci” fabbriche e importanti bastioni e a Scicli ritornano le chiese rupestri affacciate sulla cittadina.

A Palermo questa settimana vi consigliamo di non perdere la biblioteca Bombace (solo questo venerdì e il prossimo), l’ex collegio Massimo dei Gesuiti che nasconde un milione di volumi e antichi codici con il suo bunker della guerra (che si visita con un coupon a parte); ultimo weekend per scendere nelle catacombe di San Michele Arcangelo, sotto Casa Professa, dove vi racconteranno la storia dell’avido sacrestano e della Madonnina miracolosa. Poco lontano, la cinquecentesca chiesa di San Francesco di Paola, appena restaurata, che sarà felice di mostrare il suo interno manierista colmo di affreschi e stucchi. Del tutto diversa, austera, medievale, è invece la Magione di cui non bisogna dimenticare l’antico chiostro, unico rimasto dell’antico monastero. Soltanto questo weekend e il prossimo sarà visitabile a Pallavicino, il Giardino della Concordia, dove a ogni pianta corrisponde un nome, una data, una targa. Infine solo domenica potrete scoprire Palazzo Comitini: la sede dell’ex Provincia, oggi Città Metropolitana, che nasconde salotti sontuosi con mobili d’epoca e una bellissima collezione di arte moderna e contemporanea.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.