Vietati i botti di Capodanno a Furci Siculo, il sindaco: "Tuteliamo i nostri animali" :ilSicilia.it
Messina

Il provvedimento

Vietati i botti di Capodanno a Furci Siculo, il sindaco: “Tuteliamo i nostri animali”

di
27 Dicembre 2019

Viviamo, in questi giorni di festività, un momento storicamente molto delicato per i nostri amici cani a causa di botti e petardi vari, che mai fanno loro piacere e spesso sono fonte di vero e proprio panico, con conseguenze a volte disastrose per loro ma anche per noi.

In vista della fatidica mezzanotte del 31, a Furci Siculo (Messina) è scattata l’ordinanza che vieta sia la vendita che l’accensione di botti e fuochi d’artificio.

A firmarla è stato il sindaco di Furci Siculo, Matteo Francilia (Lega) che ha esteso il divieto dal 24 dicembre fino al 6 gennaio 2020.

I trasgressori saranno punti con una sanzione amministrativa pecuniaria da 50 a 500 euro. La Polizia Municipale e gli agenti della Forza Pubblica sono stati incaricati della vigilanza.

E ci sarà sicuramente gran lavoro per i vigili urbani di Furci che a mezzanotte del 31 dicembre dovranno controllare quanti disattendono l’ordinanza facendo esplodere petardi in via Cesare Battisti, via Roma, Lungomare e frazioni Grotte, Artale e Calcare e il centro abitato.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin