Vietati i botti di Capodanno a Furci Siculo, il sindaco: "Tuteliamo i nostri animali" :ilSicilia.it
Messina

Il provvedimento

Vietati i botti di Capodanno a Furci Siculo, il sindaco: “Tuteliamo i nostri animali”

di
27 Dicembre 2019

Viviamo, in questi giorni di festività, un momento storicamente molto delicato per i nostri amici cani a causa di botti e petardi vari, che mai fanno loro piacere e spesso sono fonte di vero e proprio panico, con conseguenze a volte disastrose per loro ma anche per noi.

In vista della fatidica mezzanotte del 31, a Furci Siculo (Messina) è scattata l’ordinanza che vieta sia la vendita che l’accensione di botti e fuochi d’artificio.

A firmarla è stato il sindaco di Furci Siculo, Matteo Francilia (Lega) che ha esteso il divieto dal 24 dicembre fino al 6 gennaio 2020.

I trasgressori saranno punti con una sanzione amministrativa pecuniaria da 50 a 500 euro. La Polizia Municipale e gli agenti della Forza Pubblica sono stati incaricati della vigilanza.

E ci sarà sicuramente gran lavoro per i vigili urbani di Furci che a mezzanotte del 31 dicembre dovranno controllare quanti disattendono l’ordinanza facendo esplodere petardi in via Cesare Battisti, via Roma, Lungomare e frazioni Grotte, Artale e Calcare e il centro abitato.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Giotto e i Messicani

Non chiedetevi “cosa potete fare per il vostro paese” ma solamente “A cu appartieni?”. Lo scoglio insulare dove si infrange quello che potrebbe essere il nostro "sogno americano".
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin