Villabate: sindaco sospende le Indennità, Pitarresi non ci sta :ilSicilia.it
Palermo

il fatto

Villabate: sindaco sospende le Indennità, Pitarresi non ci sta

di
11 Giugno 2020

Il sindaco di Villabate, Vincenzo Oliveri, nel pieno dell’emergenza Covid-19, aveva chiesto all’ufficio del Personale di sospendere il pagamento delle indennità di carica degli amministratori del comune per contemperare il prevedibile mancato introito nelle casse e dei relativi servizi essenziali funzionali al funzionamento dell’ente.

Di fatto, il pagamento delle indennità è stato sospeso, cosa che sembrerebbe abbia dato molto fastidio all’attuale presidente del Consiglio Giovanni Pitarresi, prossimo candidato a sindaco delle prossime amministrative villabatesi. Pitarresi ha addirittura richiesto il rilascio di un parere, al competente ufficio delle Autonomie Locali, lamentando le sue perplessità sul fatto che questo provvedimento venisse adottato in piena emergenza Covid-19 ed in prossimità delle elezioni amministrative.

Riteniamo questa vicenda triste, ma allo stesso tempo illuminante. E’ proprio il caso di dire che si predica bene, ma si razzola male… anzi malissimo!”, commenta il consigliere comunale di Villabate Marco Cenci.

“Noi abbiamo sostenuto l’iniziativa del sindaco promuovendo addirittura una mozione che chiedeva agli amministratori di rinunciare alla propria indennità fino alla fine di questo mandato. Mozione approvata e che ha già avuto seguito con l’adesione di alcuni amministratori; prendiamo atto – conclude Cenci – che qualcuno, anche in questo periodo di crisi, non solo non rinuncia ma scrive per mari e per monti e non vede ostacoli per percepire la tanto ambita indennità“.

 

LA REPLICA DI PITARRESI

«La macchina del fango è ripartita, purtroppo sono già abituato ad attacchi di questo genere. Io non scenderò a questi livelli, non attaccherò nessuno, non dirò falsità e continuerò a proporre la nostra “vision” e le nostre idee per una Villabate migliore. Invito i miei sostenitori e amici a fare altrettanto. Ognuno di noi, come politico, come cittadino, come uomo ha dimostrato e dimostra ogni giorno con le parole, con le azioni e con i pensieri quanto vale e cosa ha fatto. Sappiamo che il consigliere Cenci è molto attento e preciso e pone molta attenzione al tema delle indennità degli altri, presenta mozioni e invia dichiarazioni ai giornali. Sicuramente è diventato così attento, dopo che, nonostante la sua grande precisione, ha percepito erroneamente dal Comune delle indennità che ha dovuto restituire. 

In questo caso però sta tentando di strumentalizzare politicamente una mia legittima richiesta di chiarimenti relativa all’efficacia del provvedimento del sindaco di sospendere l’erogazione delle indennità di tutti gli amministratori che comunque sarebbero state liquidate successivamente. Io, con parte della mia indennità, ho sempre finanziato attività sociali e culturali e continuerò a farlo. Nel periodo del lockdown avrei voluto fare di più di quello che ho fatto, ma non mi è stato consentito proprio per via di questa sospensione. Recupererò più avanti. Riguardo al consigliere Cenci lo invito a evitare facili populismi e a concentrarsi su una campagna elettorale fatta di contenuti. Io lo farò e sono determinato a scrivere una nuova storia per Villabate».

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Balzebù
di Balzebù

Cancelleri, ma la lista civica non garantisce l’elezione

Il Movimento 5 stelle è ormai un’accozzaglia di correnti. Da un lato Luigi Di Maio, da un altro lato Alessandro Di Battista, da un altro ancora Roberto Fico ed ancora-ancora Paola Taverna. Poi ci sono le sottocorrenti che a loro volta si suddividono in gruppi e sottogruppi. In questo frastagliato mosaico è molto difficile capire dove collocare i pentastellati siciliani, sia quelli eletti al parlamento nazionale che quelli eletti all’Ars.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Giotto e i Messicani

Non chiedetevi “cosa potete fare per il vostro paese” ma solamente “A cu appartieni?”. Lo scoglio insulare dove si infrange quello che potrebbe essere il nostro "sogno americano".
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin