Ville abusive in costruzione: sequestrata area di 7.000 mq a Palermo :ilSicilia.it
Palermo

in Fondo Motisi (zona Falsomiele)

Ville abusive in costruzione: sequestrata area di 7.000 mq a Palermo

di
4 Maggio 2021

La Polizia Municipale ha avviato un’operazione finalizzata al contrasto dell’abusivismo edilizio urbano, ponendo sotto sequestro un’area di circa 7.000 mq, in Fondo Motisi (zona Falsomiele), frazionata in 10 lotti nei quali sono stati realizzati costruzioni abusive.

Gli agenti del nucleo di Polizia Edilizia hanno operato a seguito di esposti pervenuti al Comando Polizia Municipale, con i quali si lamentava la costruzione abusiva di 6 villette e piattaforme in cemento armato.

Effettuati gli accertamenti preventivi sull’area in questione, gli agenti operanti hanno appurato che l’originaria area di circa 7.000 mq era stata frazionata in 10 particelle che davano origine a 9 lotti di terreno, più una strada di servizio per l’accesso ai singoli lotti ottenuti.

A seguire, gli agenti della P.M. hanno effettuato un sopralluogo nel sito in oggetto e hanno accertato che erano in corso lavori per la realizzazione di una lottizzazione abusiva senza il prescritto piano di lottizzazione e in violazione di altre disposizioni in materia urbanistica.

I vari lotti risultavano delimitati da muretti e/o reti di recinzione; in alcuni di essi erano stati realizzati manufatti in muratura di varie quadrature ad elevazioni fuori terra, alcuni con copertura a doppia falda con travi, tavolati in legno e tegole, e altri ben definiti; in altri ancora erano state realizzate baracche in lamiera su base in calcestruzzo o manufatti in legno anch’essi su base in calcestruzzo e, in uno dei lotti, era presente una nicchia in muratura predisposta per l’allocazione di un contatore. In particolare, nell’ottavo lotto era stato realizzato un manufatto di circa 181 mq dove risultavano collocati gli infissi esterni e i falsi telai all’interno e, in ultimo, nel nono lotto era stata realizzata una struttura in calcestruzzo di mq 220 ad una elevazione fuori terra, con copertura piana, dalla quale fuoriuscivano 12 ferri di armatura e dove risultavano collocati gli infissi e 2 porte di ingresso.

La realizzazione delle opere abusive ha comportato la trasformazione urbanistica dell’area, creando, di fatto, una lottizzazione abusiva a scopo edificatorio in un’area che ricade, secondo il vigente PRG, in zona territoriale omogenea E1 (verde agricolo) e che risulta, inoltre, interessata in parte da inondazioni e alluvionamenti.

Vi è da rilevare che, negli anni passati, lo stesso Nucleo di Polizia Edilizia aveva già posto sotto sequestro altre due lottizzazioni abusive sempre all’interno della stessa area.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Il Principe e il Povero

E proprio vero “u saziu nun po' cridiri o diunu, è facile fare la persona di principio con l’appannaggio annuo di 2.000.000 sterline che ti passa to nonna". Fu a quel punto che comprese l’importanza e la fortuna di essere povero

Politica

di Elio Sanfilippo

Il putiferio palermitano del Pd

Il putiferio all’interno del Partito democratico palermitano pare che sia scoppiato in seguito ad una intervista rilasciata dal segretario Rosario Filoramo accusato di autoreferenzialità, di una gestione accentratrice del partito e, soprattutto, di avere lanciato la sua sindacatura a sindaco di Palermo senza alcuna consultazione e riunione degli organismi dirigenti. 

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti