Vincìu 'u cani. Giù le mani da Palermo :ilSicilia.it
Palermo

Una vicenda che ha messo in seria difficoltà l’amministrazione comunale

Vincìu ‘u cani. Giù le mani da Palermo

di
31 Marzo 2017

I cani restano a Palermo. La vittoria degli animalisti, nell’inquietante e ancora poco chiara vicenda del canile municipale, ha riempito nei giorni scorsi le cronache cittadine. Una vicenda che ha messo in seria difficoltà l’amministrazione comunale – a partire dal sindaco – apparsa impreparata all’impatto mediatico che ne è seguito e timorosa di mettersi contro una fetta di cittadinanza molto più folta e battagliera di quanto immaginasse, in piena campagna elettorale.

Giù le mani dal canile di Palermo” è stato lo slogan che ha fatto il giro della rete – assurto a vero e proprio brand – coinvolgendo noti personaggi televisivi nazionali e creando in pochi giorni un irresistibile tam tam, che ha indotto il Comune a fare un passo indietro.

Ciò che impressiona, al di là del merito su cui altri devono pronunciarsi, è la capacità dei cittadini – quando vogliono – di intervenire nel processo decisionale e modificare le scelte di un’amministrazione. Qualcosa di simile si era vista poco più di un anno fa per i Ficus Benjamin di piazza Politeama: dopo la selvaggia (e non annunciata) estirpazione dei primi alberi da parte degli operai della Tecnis, nell’ambito dei tormentati lavori per il passante ferroviario, la mobilitazione pubblica fermò lo scempio riuscendo a salvare almeno una parte degli esemplari.

Insomma, pare che a Palermo animali e piante possano contare su una forte solidarietà da parte degli uomini. Sarebbe bello se altrettanta forza e passione civile venisse espressa dai cittadini palermitani per le cose “storte” che riguardano la specie umana. L’elenco sarebbe forse troppo lungo, ciascuno può cimentarsi a stilare il suo.

E poi dire “Giù le mani da Palermo”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

Blog

di Renzo Botindari

E se fosse colpa del “mal bianco”?

La nostra città è come una bella pianta ammalata e piena del “mal bianco”, un grosso parassita che tarpa qualunque fioritura e che non permette ai fiori di schiudersi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin