Violento incidente stradale, muore un 32enne di Belmonte Mezzagno :ilSicilia.it
Palermo

il fatto

Violento incidente stradale, muore un 32enne di Belmonte Mezzagno

di
24 Maggio 2020

Un violento incidente stradale al chilometro 9, altezza Bentivoglio, dell’A13 Bologna-Padova è stato fatale ad un 32enne originario di Belmonte Mezzagno, in provincia di Palermo. Intorno alle ore 20 di ieri, sabato 23 maggio, l’uomo, alla guida di una Fiat Punto, è stato sbalzato a diversi metri dalla vettura, finita fuori strada, dopo lo scontro con una Fiat 500 che si e’ ribaltata pur rimanendo sulla carreggiata, ed e’ morto sul colpo.

Sul posto sono intervenute le pattuglie della Sottosezione della Polizia stradale di Altedo, i Vigili del fuoco, ed il 118 presente con elisoccorso, tre ambulanze e un’automedica che ha soccorso e trasportato in ospedale i tre passeggeri della Punto e l’uomo, un 44enne residente a Padova, alla guida della 500. Per permettere i soccorsi il tratto autostradale tra Altedo e Bologna Interporto, in direzione Bologna e’ rimasto chiuso per diverse ore.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.