Violenza contro agenti di polizia e guida in stato d'ebrezza: due arresti a Comiso :ilSicilia.it
Ragusa

il fatto

Violenza contro agenti di polizia e guida in stato d’ebrezza: due arresti a Comiso

di
28 Luglio 2021

Nella giornata di ieri, martedì 27 luglio, durante i servizi di controllo del territorio disposti in ambito provinciale dal questore di Ragusa, dottoressa Pinuccia Albertina Agnello, in sinergia con la polizia stradale di Ragusa, gli agenti di Comiso e Vittoria hanno proceduto all’arresto in flagranza di reato di X.L., trentunenne albanese già noto alle forze dell’ordine, per violenza e resistenza a pubblico ufficiale e al deferimento in stato di libertà di un ventiquattrenne comisano, per guida in stato di ebrezza.

In particolare, poco dopo la mezzanotte, la volante del commissariato di pubblica sicurezza di Comiso procedeva al controllo di un’autovettura, segnalata poco prima per via di una serie di manovre pericolose compiute dal conducente lungo la statale 115 Ragusa – Comiso.

Il conducente, sottoposto all’accertamento tramite etilometro, a cura di una pattuglia della polizia stradale di Vittoria convenuta sul luogo del controllo, risultava avere un tasso alcolemico tre volte superiore alla soglia minima consentita.

Per tale motivo l’uomo è stato segnalato all’autorità giudiziaria in stato di libertà per guida in stato di ebrezza, con tanto di sequestro amministrativo del veicolo e ritiro della patente di guida ai fini della sospensione.

Nelle more dell’accertamento, è sopraggiunta una terza persona che, con fare aggressivo, pretendeva che gli agenti dessero atto che si trovava lui alla guida del veicolo e non già il reale conducente, minacciandoli che, in caso contrario, la situazione sarebbe degenerata.

Non pago, quest’ultimo ha rivolto dapprima la sua aggressività verso uno degli agenti, spintonandolo, per poi fare altrettanto verso gli altri agenti che, con non poche difficoltà, sono riusciti a contenerlo e collocarlo in sicurezza all’interno del veicolo di servizio.

Alla luce di tale condotta antigiuridica X.L. è stato condotto presso gli Uffici di Polizia e, dopo gli adempimenti di rito, è stato tratto in arresto per i reati di resistenza, violenza e oltraggio a pubblico ufficiale. Su disposizione del Pubblico Ministero di turno veniva sottoposto agli arresti domiciliari a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

© Riproduzione Riservata

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin