Violenza di genere: passa la legge all'Ars :ilSicilia.it

Il testo è il frutto dell’unificazione di due disegni di legge

Violenza di genere: passa la legge all’Ars

di
17 Giugno 2020

l’Ars ha approvato oggi il ddl congiunto n. 556-124 che prevede “nuove norme di contrasto al fenomeno della violenza di genere e misure di solidarietà in favore delle vittime di crimini domestici e dei loro familiari” e “provvedimenti in materia di affidamento dei minori rimasti orfani per crimini domestici, nonché l’istituzione di un fondo di solidarietà in favore degli stessi”. Il testo è il frutto dell’unificazione di due disegni di legge presentati rispettivamente dalle deputate Valentina Zafarana e Margherita La Rocca Ruvolo (relatrice del testo).

Con questa nuova legge – spiega La Rocca Ruvolo – la Regione Siciliana potrà intervenire con misure più efficaci per contrastare la violenza di genere e in particolare nei casi che si verificano all’interno del nucleo familiare o della sfera affettiva della vittima. E’ prevista l’istituzione di una cabina di regia interistituzionale per garantire un coordinamento efficace fra gli attori dell’amministrazione regionale e delle forze dell’ordine”.

Sono previste forme di solidarietà e ristoro nei confronti delle vittime dirette e indirette, tra cui interventi per l’inserimento lavorativo all’interno dell’amministrazione pubblica regionale delle vittime di violenza domestica come quelli previsti per i familiari di vittime di mafia – conclude- . Agli orfani per crimini domestici, in particolare, verrà garantito il sostegno economico per un’adeguata assistenza psicologica, farmaceutica e sanitaria, ma anche per la loro formazione scolastica, universitaria e professionale. E’ un traguardo importante, le donne vittime di violenza potranno così sentirsi più tutelate e i bimbi rimasti orfani non saranno abbandonati al loro destino. Ringrazio tutti i colleghi deputati per la proficua collaborazione”

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin