Violenza e le molestie sul luogo di lavoro: Confapi Sicilia lancia il suo "Osservatore digitale" :ilSicilia.it

VISIBILE ONLINE DALLE 17 DEL 25 NOVEMBRE 2020

Violenza e le molestie sul luogo di lavoro: Confapi Sicilia lancia il suo “Osservatore digitale”

di
24 Novembre 2020

Oggi, la pandemia e, più precisamente il lockdown e lo smartworking, ci hanno messo di fronte a numerosi nuovi casi di violenza e molestie, non solo domestici ma anche sul lavoro.

Il 10 novembre, dunque, Confapi Sicilia ha sottoscritto con CIGL, CISL e UIL l’Accordo regionale contro la molestia e le violenze nei luoghi di lavoro.

Un segnale importante, in questo periodo difficile che stanno vivendo lavoratori e lavoratrici e nel quale si potrebbero subire forme di ricatto occulto e maggiore stress lavorativo anche da remoto e non solo in presenza.

A sottoscrivere l’accorso con la Presidente di Confapi Sicilia, Dhebora Mirabelli, i Segretari regionali di CGIL, CISL e UIL – Alfio Mannino, Sebastiano Cappuccio e Claudio Barone, i quali si ritengono “molto soddisfatti della firma dell’accordo di oggi e del costruttivo confronto con Confapi che rimette al centro la tematica del benessere organizzativo e relazionale nei luoghi di lavoro a sostegno della produttività e dell’occupazione femminile, fondamentale per il rilancio dell’Isola“.

L’Osservatore Digitale “6come6” sarà online e visibile pubblicamente a partire dalle ore 17 di domani, 25 novembre 2020, per celebrare la Giornata internazionale contro la violenza e molestie sulle donne.

LE PAROLE DI DHEBORA MIRABELLI

Dhebora Mirabelli, Confapi

In attuazione del citato accordo – inizia la presidente –, riteniamo fondamentale essere promotrici della realizzazione dell’Osservatore Digitale a quindici giorni dall’avvenuta stipula“.

L’Osservatore Digitale “6come6” – spiega in seguito – innescherà processi virtuosi nell’attivazione di partnership con gli stakeholder territoriali a diverso titolo coinvolti nella lotta contro le molestie e le violenze nei luoghi di lavoro e si spera, su un tema così importante e generalmente diffuso, di fare squadra con le altre Associazioni di Categorie e Sindacali affinché ci si adoperi tutti insieme nella diffusione di azioni di prevenzione, sensibilizzazione e attuative delle forme di tutela più efficaci per lavoratori e datori di lavoro“.

Auspichiamo altri sviluppi – conclude Mirabelli –, perché questo progetto, come tutti i nostri progetti, nascono ambiziosi e scalabili. Ci piace essere anticipatori e fare da apri pista ogni volta che parliamo di trasformazione digitale ed eticità delle imprese. Sono fortemente convinta che l’impiego migliore della tecnologia è al servizio di strategie e azioni di politica sociale oltre che economica“.

COME NASCE L’OSSERVATORE DIGITALE

6come6” è stato ideato e progettato da Confapi Sicilia con il supporto dell’Ente Nazionale per la Trasformazione Digitale per creare un punto di osservazione facile, veloce e sicuro a supporto di imprese e lavoratori nel contrasto alle molestie e violenze nei luoghi di lavoro.

Come rievoca il logo scelto, l’intenzione è mettere su un piedistallo “digitale” imprese e lavoratori etici e coraggiosi affinché possano esprimere perplessità, paure e soprusi.

Confapi ha inoltre voluto identificarlo con il nome “6come6” per rievocare le tutele e le protezioni introdotte dalla storica normativa in materia di sicurezza sul posto di lavoro, Legge 626 del 1994 e successive modifiche e integrazioni, in un’ottica di mainstreaming.

L’azienda si auspica che la prevenzione e il contrasto a condotte discriminatorie e lesive dell’integrità psico-fisica dei lavoratori vittime di violenze e molestie diventino pratiche condivise e generalmente integrate e accettate, così come ormai le norme e gli strumenti della più ampia normativa in tema di sicurezza sul lavoro, da ogni imprenditore che ha a cuore l’eticità, integrità ed efficienza della sua azienda.

PERCHÈ OSSERVATORE E NON OSSERVATORIO

Imprese, lavoratori, associazioni datoriali e sindacati devono adottare la stessa prospettiva e mettersi dalla stessa parte per meglio comprendere il fenomeno e contrastarlo più efficacemente.

Confapi ha avuto l’idea pensando al modo più corretto per rendere attuativo l’impegno siglato con i sindacati che sono diventati oggi i sostenitori, accogliendo l’iniziativa con entusiasmo e grande spirito di collaborazione.

COSA CONSENTE DI FARE L’OSSERVATORE

L’Osservatore sostanzialmente permette di:

Segnalare in modo facile, veloce e sicuro le molestie e/o violenze subite o conosciute nei luoghi di lavoro;

• Sottoscrivere e inviare online la dichiarazione di inaccettabilità ed eticità alle imprese socialmente responsabili;

• Aiuta, inoltre, tutti gli stakeholder con ruoli istituzionali, di rappresentanza e politici a comprendere il fenomeno e a proporre azioni più efficaci.

Inoltre, per le imprese associate Confapi Sicilia, genererà una sorta di “marchio di eticità“, riconoscendo a seconda dell’impegno e delle iniziative messe in campo uno “status” nel quale ogni imprenditore possa riconoscersi come testimone, ambasciatore o partner delle azioni di “6come6”.

Ad esempio chi sottoscriverà la dichiarazione di inaccettabilità di comportamenti lesivi dell’integrità psico-fisica dei propri dipendenti è un testimone, chi segnala una buona pratica aziendale è un ambasciatore, chi attiva percorsi di sensibilizzazione e formazione attuativi dell’Accordo sindacale regionale siglato sarà considerato partner attivo delle iniziative promosse.

SICUREZZA E ANONIMATO

Sono tutte questioni approfondite con il Presidente dell’Ente della Trasformazione Digitale, Pasquale Aiello, e vengono garantite mediante anche l’utilizzo etico della blockchain affinché si abbia una certificazione dei dati seria e funzionale ad analisi, studi e ricerca.

Il segnalatore, sia esso vittima o testimone, può scegliere di fare una segnalazione anonima o inserire le proprie generalità. In caso di fatti gravi e accertati sarà nostra cura offrire una tutela alle vittime coinvolgendo forze dell’ordine, magistrati, centri antiviolenza, legali ed esperti che a diverso titolo operano sul territorio.

La prima finalità, in qualità di Associazione Datoriale, è di acquisire più informazioni possibili sulla descrizione e vastità del fenomeno per meglio comprenderlo, metterlo in evidenza e contrastarlo.

Inoltre, Confapi intende scendere in campo accanto alle imprese siciliane per salvaguardare la loro reputazione, la loro eticità, circoscrivere le responsabilità di condotte lesive di diritti umani in capo ai responsabili e fare molta prevenzione.

La violenza è un costo aziendale in termini di malessere organizzativo, assenteismo e produttività legata ad atteggiamenti non professionali e afferenti la sfera privata di chiunque ne resta coinvolto.

I dati più recenti analizzati dall’Istat dicono che tra le vittime più dell’85% delle donne subisce molestie e violenze proprio sui luoghi di lavoro.

L’azienda non poteva dunque non ideare e progettare strumenti innovativi e tecnologici a servizio delle imprese per mettere in maggior evidenza e in luce comportamenti inaccettabili.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il Presidente con le carte in regola

In una fase di scadimento della Politica ricordare Pier Santi Mattarella è come una boccata di ossigeno, un riconoscere che vi è stata, e quindi è possibile, una politica ispirata al bene comune, al buon governo e al progresso della propria terra

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin