25 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.14
Catania

colpito ripetutamente

Violenza in corsia, un medico preso a forbiciate in testa. Un arresto nel Catanese

25 Luglio 2018

Un medico è stato aggredito da un paziente, che lo ha colpito alla testa con un oggetto mentre era in servizio nel reparto di ortopedia dell’ospedale di Acireale. L’episodio è stato subito denunciato ai carabinieri della locale compagnia che hanno avviato le indagini e arrestato il presunto aggressore.

“È un fatto gravissimo che si aggiunge al novero degli episodi di violenza ai danni di operatori del servizio sanitario”, dice il direttore generale dell’Azienda sanitaria provinciale (Asp) Catania, Giuseppe Giammanco.

Non ci sono ragioni o spiegazioni plausibili per simili atti che condanniamo in modo fermo. Mi sono accertato delle condizioni di salute del collega al quale esprimiamo tutta la nostra vicinanza. Ringrazio i carabinieri per il pronto intervento che ha evitato conseguenze peggiori“.

Il medico è stato ricoverato con la prognosi riservata ma non è in pericolo di vita. E’ stato raggiunto alla testa con delle forbici prelevate dalla sala gessi dove era in attesa un paziente di 35 anni ricoverato da ieri per una contusione a una caviglia. I carabinieri di Acireale lo hanno arrestato e inviato una relazione alla procura di Catania anche per la valutazione del reato da contestare.

Già da ieri, dall’ospedale era partito l’allarme l’atteggiamento aggressivo dello stesso paziente ma l’emergenza era poi rientrata. Stamattina l’aggressione in sala gessi dove l’uomo era in attesa del medico che doveva procedere alla fasciatura della caviglia dopo un consulto col primario del reparto. Il 35enne quando l’ortopedico è rientrato in sala ha reso la forbice e lo ha colpito ripetutamente alla testa.

 

 

 

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.