25 Marzo 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.33
Catania

colpito ripetutamente

Violenza in corsia, un medico preso a forbiciate in testa. Un arresto nel Catanese

25 Luglio 2018

Un medico è stato aggredito da un paziente, che lo ha colpito alla testa con un oggetto mentre era in servizio nel reparto di ortopedia dell’ospedale di Acireale. L’episodio è stato subito denunciato ai carabinieri della locale compagnia che hanno avviato le indagini e arrestato il presunto aggressore.

“È un fatto gravissimo che si aggiunge al novero degli episodi di violenza ai danni di operatori del servizio sanitario”, dice il direttore generale dell’Azienda sanitaria provinciale (Asp) Catania, Giuseppe Giammanco.

Non ci sono ragioni o spiegazioni plausibili per simili atti che condanniamo in modo fermo. Mi sono accertato delle condizioni di salute del collega al quale esprimiamo tutta la nostra vicinanza. Ringrazio i carabinieri per il pronto intervento che ha evitato conseguenze peggiori“.

Il medico è stato ricoverato con la prognosi riservata ma non è in pericolo di vita. E’ stato raggiunto alla testa con delle forbici prelevate dalla sala gessi dove era in attesa un paziente di 35 anni ricoverato da ieri per una contusione a una caviglia. I carabinieri di Acireale lo hanno arrestato e inviato una relazione alla procura di Catania anche per la valutazione del reato da contestare.

Già da ieri, dall’ospedale era partito l’allarme l’atteggiamento aggressivo dello stesso paziente ma l’emergenza era poi rientrata. Stamattina l’aggressione in sala gessi dove l’uomo era in attesa del medico che doveva procedere alla fasciatura della caviglia dopo un consulto col primario del reparto. Il 35enne quando l’ortopedico è rientrato in sala ha reso la forbice e lo ha colpito ripetutamente alla testa.

 

 

 

 

Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

Wanted perde un uomo fondamentale

Il 10 marzo del 241 a.C. la battaglia delle Egadi metteva fine alla prima guerra punica cambiando la storia del Mediterraneo con la vittoria dei Romani sui Cartaginesi.