Violenza sulle donne: al Centro Padre Nostro di Brancaccio il ciclo formativo "Un altro me" :ilSicilia.it
Palermo

giovedì 14 novembre

Violenza sulle donne: al Centro Padre Nostro di Brancaccio il ciclo formativo “Un altro me”

di
13 Novembre 2019

Prende il via, al Centro di Accoglienza Padre Nostro di Brancaccio, a Palermo, un ciclo formativo rivolto a operatori del sociale, forze di polizia e magistrati per la prevenzione e gli interventi sugli uomini autori di maltrattamenti.

È Maurizio Artale, presidente del Centro fondato dal Beato Pino Puglisi, a sottolineare “il profondo significato del realizzare tale iniziativa proprio nel territorio di Brancaccio, in cui è oggi attivo un presidio permanente della cultura dell’ascolto, dell’accoglienza e del servizio alla comunità, orientato alla tutela dei diritti delle persone e al contrasto ad ogni forma di violenza, che rappresenta uno dei frutti del martirio del Beato”.

Il percorso formativo “Un altro me” prende il titolo dal film di Claudio Casazza, realizzato nel 2016, che ha come tema il primo esperimento italiano di “trattamento intensificato” per responsabili di violenze sessuali nel Carcere di Bollate, ad opera del CIPM di Milano, il cui obiettivo è quello di prevenire gli atti violenti e di poter prendere coscienza di ciò che si ha fatto, per non ricadere nella stessa violenza.

Leonardo Agueci
Leonardo Agueci

“Per la maggior parte delle volte, un uomo violento torna a commettere lo stesso reato”.  Lo dice Leonardo Agueci, già procuratore aggiunto di Palermo e oggi presidente della Fondazione Legalità Onlus, che poi aggiunge: “Ecco perché si deve recuperare un ritardo, e interrogarsi, tutti, su come intervenire”. 

Un altro Me” nasce dall’incontro di due progetti dedicati alla prevenzione: primaria nelle scuole e terziaria nei confronti dei maltrattanti autori di violenza di genere, finanziati dal Dipartimento delle Pari Opportunità.

“La crescente diffusione di gravi condotte ascrivibili alla violenza di genere nei confronti delle donne, da parte degli uomini, rende necessaria l’adozione di interventi specialistici sebbene integrati e orientati alla presa in carico multidisciplinare dei maltrattanti”, afferma Rosanna Provenzano, referente scientifico del programma formativo.

Oltre alla cooperazione tra strutture diverse, “Un altro me” è un modulo formativo inter-istituzionale, rivolto a più operatori, ma è anche inter-distrettuale, poiché coinvolge tutti gli Uepe della Sicilia. In aula interventi da varie regioni: Lombardia, Lazio, Emilia Romagna.

“La recidiva degli autori di violenza è straordinariamente alta se non interviene qualcosa o qualcuno, è necessario tenerlo bene in mente. Ecco, dunque, la necessità – conclude Aguecidi agire perché possano essere presi in carico da un servizio o un centro d’ascolto per uomini maltrattanti.”

 

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

VaffanCovid

A te che vuoi toglierci tutte le speranze ed i progetti sul futuro, a te che pretendi di non darci nessuna tregua, un sincero ed accorato... VaffanCovid!

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin