Violenza sulle donne, Giannini: "Battaglia di civiltà, uscire dal silenzio" :ilSicilia.it
Catania

la dichiarazione del capo della polizia

Violenza sulle donne, Giannini: “Battaglia di civiltà, uscire dal silenzio”

di
23 Novembre 2021

Affrontiamo il tema della violenza di genere ben consapevoli della sua estrema gravità. Sappiamo che è una prerogativa assoluta, una battaglia di civiltà. Accettiamo questa sfida coscienti dell’elevata professionalità che le varie articolazioni dell’Amministrazione della pubblica sicurezza hanno maturato in questi anni“. Lo afferma il capo della polizia, Lamberto Giannini, nella brochure distribuita nell’ambito del progetto ‘Questo non è amore‘ contro la violenza di genere sottolineando che “la sfida più grande che ci è attende“, è “convincere ogni singola vittima, oggetto di violenza, ad uscire dal silenzio“.

All’iniziativa, in corso a Catania, partecipano la ministra dell’Interno, Luciana Lamorgese, e il direttore centrale dell’Anticrimine della polizia, Francesco Messina.

Sapere di poter contare su poliziotti capaci – osserva Giannini – che ogni giorno accolgono le vittime con umanità, sapere di poter contare sul loro profondo senso del dovere, mi consente, infatti, di poter guardare negli occhi ogni singola donna, vittima di violenza, e di poterle dire: ‘non sei sola’. Vorrei fosse questo il messaggio da veicolare con questa pubblicazione, ben consapevole che le mie parole si traducono, ogni giorno, tanto in azione di contrasto, quanto in quella di prevenzione. È proprio nella preventiva analisi di ogni sintomo o segnale di criticità in materia di violenza di genere, che – dice il capo della polizia – deve incentrarsi l’azione delle Forze di Polizia. In questa fase, infatti, i Questori sono al centro di un contesto multi-attoriale in cui esercitano le loro attribuzioni e le loro prerogative esclusive per neutralizzare una minaccia che ogni giorno si manifesta in modo infido tra le mura domestiche; proprio in quel luogo dove invece dovremmo sentirci più protetti. In questi anni abbiamo investito massicciamente nella formazione degli uomini e delle donne della Polizia, da ogni punto di vista, permettendo all’azione del law enforcement di avvalersi di un apparato di “professionisti in divisa” in grado di fronteggiare il fenomeno, sia in chiave preventiva che in chiave repressiva“.

“Sono stati offerti spunti importanti per affrontare meglio il problema della violenza contro le donne. Quello che è importante ed è il messaggio che voglio dare per noi della Polizia di Stato e per tutti quelli che si impegnano e per le vittime che non devono mai vergognarsi. E’ importante avere delle norme adeguate, ma avere anche una grandissima formazione professionale. Chi denuncia deve sentirsi sicuro e al riparo dalla violenza e dai pregiudizi. Serve continuare a lavorare perché la denuncia diventi un fatto normale: fare sì che le persone parlino, perché avranno risposte”, chiosa.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin