Visita di Papa Francesco, Trenitalia: "Previste venticinque fermate straordinarie a Palermo-Roccella" :ilSicilia.it
Palermo

per agevolare la mobilità di quanti preferiscono muoversi in treno

Visita di Papa Francesco, Trenitalia: “Previste venticinque fermate straordinarie a Palermo-Roccella”

13 Settembre 2018

In occasione della visita pastorale di Papa Francesco a Palermo, per agevolare la mobilità di quanti preferiscono muoversi in treno lasciando a casa l’auto, Trenitalia, nell’arco dell’intera giornata, effettuerà 25 fermate in più nella stazione di Palermo Roccella. Fermate straordinarie per i treni regionali a Palermo Roccella sabato 15 settembre.

Come conseguenza della sospensione alla circolazione ferroviaria disposta dalle Autorità di pubblica sicurezza in alcune fasce orarie (tra le 13.15 e le 13.30 e tra le 15.05 e 15.20), alcuni treni delle linee Palermo – Messina e Palermo – Agrigento potranno allungare i tempi di viaggio fino a 15 minuti.

Il personale di Trenitalia sarà presente nelle principali stazioni cittadine. Per informazioni sulle modifiche agli orari nelle stazioni e sul sito trenitalia.com.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.