Visite ambulatoriali: a Palermo ancora prenotazioni Cup solo per casi urgenti o indifferibili :ilSicilia.it
Palermo

Lo comunica l'asp

Visite ambulatoriali: a Palermo ancora prenotazioni Cup solo per casi urgenti o indifferibili

di
24 Maggio 2020

Da domani le prenotazioni di visite allo sportello Cup dell’Asp di Palermo saranno ancora mantenute solo per le classi di priorità U (urgenti) e B (indifferibili), eseguite come fatto finora.

Per le prestazioni con classe di priorità D (differebili), le indicazioni assessoriali prevedono prioritariamente il recupero delle prestazioni sospese nel periodo di vigenza dei provvedimenti restrittivi. Le prestazioni differibili saranno riprogrammate e riassorbite in modo graduale nelle attività ambulatoriali.

Analoga modalità sarà adottata per il recupero (entro le prossime 5 settimane) delle prestazioni con classe di priorità P (programmabili), prenotate prima del blocco e per le quali sarà data priorità alle prestazioni a carico dei pazienti affetti da patologie croniche o malattie rare.

Nei prossimi giorni Asp Palermo comunicherà la data di riapertura delle nuove prenotazioni differibili e programmabili. Per evitare assembramenti in poliambulatori e Pta vengono mantenute tutte le procedure telematiche finora adottate per le quali non sarà possibile effettuare recandosi fisicamente negli uffici dell’Asp, e cioè, cambio medico, anagrafe assistiti, esenzione ticket; richiesta presidi e ausili; assistenza domiciliare integrata; piani terapeutici.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.