Visite mediche dei forestali, ad Agrigento vincono i sindacati: si faranno nelle strutture territoriali dell'Asp :ilSicilia.it
Agrigento

LA NOTA DI Flai Cgil, Fai Cisl e Uila Uil

Visite mediche dei forestali, ad Agrigento vincono i sindacati: si faranno nelle strutture territoriali dell’Asp

di
14 Maggio 2020

I segretari provinciali di Agrigento della Flai Cgil, Giuseppe Di Franco, della Uila Uil Gero Acquisto e della Fai Cisl Veronica Iacono, comunicano che l’assessore regionale alla Sanità Ruggero Razza ha risposto positivamente alla richiesta delle organizzazioni sindacali e ha ordinato all’Asp di Agrigento di far svolgere le visite mediche preventive di tutti i forestali agrigentini anche nei poliambulatori situati nei vari distretti della provincia.

“La soluzione si è resa necessaria – come denunciato recentemente dai sindacati di categoria Flai Cgil, Fai Cisl e Uila Uil – per evitare lo spostamento e i conseguenti innumerevoli disagi degli operai residenti nei comuni dell’entroterra agrigentino nei soli locali di Palma di Montechiaro e Agrigento messi a disposizione dal medico competente che si è aggiudicato la gara”.

Il dirigente dello Sviluppo Rurale e Territoriale della Regione siciliana Mario Candore ha così inviato una nota che invita i Dirigenti Provinciali a contattare le Asp Provinciali per avere a disposizione i locali per le visite mediche nei vari distretti.

Di Franco, Acquisto e Iacono dichiarano: “Abbiamo ottenuto un risultato importante che fa in modo che tutti i lavoratori della nostra Provincia e non alcuni, possano evitare di percorrere centinaia di chilometri per raggiungere i locali messi a disposizione dal medico competente che, come detto, non aveva a disposizione locali idonei in tutto il territorio. Un plauso all’Assessore Ruggero Razza che con questa autorizzazione, che poteva e doveva secondo noi essere emanata in maniera preventiva, accelera sicuramente le procedure di immissione in servizio dei lavoratori, visto le elevate temperature e la necessità di iniziare i lavori di pulizia dei viali parafuoco al più presto per essere in condizione di garantire, anche agli operai forestali, le giornate di legge”.

“Ci auspichiamo per il futuro che determinate disposizioni della politica vengano prese in maniera omogenea per tutti i lavoratori al fine di risolvere le problematiche che attanagliano l’intero comparto e non di singoli territori”, chiosa i rappresentanti sindacali.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.