Vitalizi, l'affondo di Figuccia: "Miccichè si dimetta e dia alla Sicilia la possibilità di rinascere" :ilSicilia.it

LE DICHIARAZIONI DEL DEPUTATO DELL'UDC ALL'ARS

Vitalizi, l’affondo di Figuccia: “Miccichè si dimetta e dia alla Sicilia la possibilità di rinascere”

21 Ottobre 2019

Le rivendicazioni di Miccichè in tema di numeri e consensi mi fanno solo sorridere. Non sono ancora lontane le ultime europee in occasione delle quali chiudendo gli occhi e turando il naso, ho mantenuto fede all’accordo nazionale tra Lorenzo Cesa leader dell’Udc e Silvio Berlusconi per cui c’è poco di rivendicare su un risultato frutto di una composita confederazione che ha coinvolto anche autonomisti, popolari e Sicilia vera” – è l’affondo di Figuccia al presidente dell’Ars che ieri si è dissociato dalla manifestazione nazionale a Roma.

Sulla vicenda vitalizi, voglio sottolineare che, ove molti dei componenti della commissione di merito rispondono politicamente a Miccichè, è evidente che difficilmente vorranno esprimersi compatibilmente alle direttive nazionali e quindi al taglio. È così difficile comprendere che l’ostinazione nel difendere questi privilegi offende la povertà soprattutto in una Sicilia dove un bambino su tre è in condizioni indigenti?”, aggiunge Figuccia.

È impietoso e vergognoso che un branco di dinosauri sopravvissuti debbano tenere sotto scacco il più antico parlamento d’Europa cercando soluzioni che vogliono raggirare quello che sarebbe un atto di giustizia sociale: tagliare senza se e senza ma. Pertanto Miccichè prenda atto che i nodi al pettine sono talmente tanti che solo una rasatura a zero potrebbe offrire l’opportunità di una ripartenza.  Se altrimenti “preferisce tenersi il pallone tutto per sé come il bambino capriccioso, si dimetta e dia alla Sicilia la possibilità di rinascere“, conclude Figuccia.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.