Vittime delle foibe, a Palermo il Covid non ferma la celebrazione del Giorno del Ricordo :ilSicilia.it
Palermo

L'annuncio dell'ANVGD

Vittime delle foibe, a Palermo il Covid non ferma la celebrazione del Giorno del Ricordo

di
8 Febbraio 2021

Il Covid non ferma l’ANVGD Palermo. Si terrà come sempre la commemorazione del Giorno del Ricordo nel capoluogo siciliano.

L’appuntamento è mercoledì 10 febbraio 2021Villa Martiri delle Foibe, via Ludovico Bianchini 42, alle ore 10.

Come sempre gli esuli della Venezia Giulia e Dalmazia residenti in Sicilia, alla presenza delle massime autorità civili e militari, si riuniranno per ricordare ed avvicinarsi simbolicamente alle terre lasciate, ai cari scomparsi per trovare conforto e condividere il dolore subito ingiustamente, intorno allo stele che rappresenta il Carso con le sue Foibe.

La manifestazione si terrà nel pieno rispetto del DPMC e dell’Ordinanza regionale.

L’ANVGD

L’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia, fondata nel 1947, è la maggiore rappresentante sul territorio nazionale degli italiani fuggiti dall’Istria, da Fiume e dalla Dalmazia al termine della seconda guerra mondiale sotto la spinta della pulizia etnica delle milizie jugoslave e lo spettro delle foibe. Ne derivò l’Esodo di 350.000 persone di ogni ceto sociale e la morte violenta di migliaia di innocenti nelle foibe.

L’ANVGD Palermo rappresenta gli Italiani fuggiti dall’Istria, da Fiume e dalla Dalmazia che, per varie vicissitudini, sono approdati in Sicilia e hanno deciso di vivere nella Trinacria.

IL GIORNO DEL RICORDO

Il Giorno del Ricordo è stato istituito con la legge 30 marzo 2004 n. 92 dal Parlamento della Repubblica per “conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.