"Vittorio Emanuele III firmò le leggi razziali", Orlando cambia nome a due scuole :ilSicilia.it
Palermo

il sindaco di Palermo accoglie l'appello di Liliana Segre

“Vittorio Emanuele III firmò le leggi razziali”, Orlando cambia nome a due scuole

di
6 Febbraio 2021

“Dopo l’appello della senatrice a vita Liliana Segre, subito dopo la commemorazione della Giornata della Memoria 2021 appena trascorsa e alla luce dell’impegno antinazista e antifascista che contraddistingue la Città”, il sindaco di Palermo Leoluca Orlando ha chiesto alle autorità scolastiche cittadine, nell’ambito della loro competenza, di cambiare il nome degli istituti intitolati a Vittorio Emanuele III, “noto per aver apposto la propria firma sulle leggi razziali“.

A Palermo sono due gli istituti, quello comprensivo di via Terranova e l’istituto tecnico industriale di via Duca della Verdura.

“Faccio mio l’appello già sottoscritto da tanti, non solo nella comunità ebraica – ha detto il sindaco Orlando – perché credo che anche questo sia un modo per riconoscere quanto grave, quale impatto tragico sulla vita di migliaia di italiani ebbero quelle leggi nefande, che sono una macchia nella storia del nostro Paese”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin