Vogliono imbavagliare il magistrato che ha denunciato l'accordo fra Ong e trafficanti | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Catania

anziché sostenerlo la politica lo processa

Vogliono imbavagliare il magistrato che ha denunciato l’accordo fra Ong e trafficanti

di
28 Aprile 2017

Come volevasi dimostrare, la politica e i poteri vari hanno deciso di mettere il bavaglio al procuratore capo di Catania Carmelo Zuccaro. La sua colpa, l’aver denunciato il presunto patto scellerato che vi sarebbe fra alcune Ong molto attive nel Mediterraneo e bande di trafficanti con quartier generale in Libia. Sullo sfondo, il business dell’immigrazione, con i suoi affari multimilionari e le continue partenze dai porti nordafricani alla volta dell’Italia.

E nel Belpaese che succede? Anziché sostenerlo, lo processano pubblicamente. Al punto che si muove anche il Csm, che lo ascolterà in breve, brevissimo tempo.

Giusto il tempo di una bella gita fuori porta per il Primo maggio e già il 3 le dichiarazioni del procuratore catanese saranno vagliate dal gotha della magistratura italiana che dovrà valutare l’eventualità di “esercitare un’azione disciplinare nei suoi confronti”. E non è tutto, su di lui pesano anche le affermazioni del ministro della Giustizia e di quello dell’Interno: insomma, tutti d’accordo, le Ong non si toccano. E guai a chi osa.

Poco importa che il magistrato abbia fatto dei distinguo, “salvando” Save the children e Medici senza frontiere. Il dato di fatto è che se si parte da un’indagine sulle Ong, il passo successivo potrebbe essere lo scoperchiare il ben foraggiato business che gira attorno all’accoglienza dei migranti in Italia e le sue clientele, come le inchieste già in atto sul Cara di Mineo sembrano dimostrare.

E allora, che si imbavagli subito il “magistrato impazzito”, prima che dalle sue parole possa venire fuori un effetto a catena indesiderato.

La circostanza, poi, che Zuccaro abbia anche svelato l’esistenza di intercettazioni che dimostrerebbero la veridicità dei contatti fra alcune Ong e i trafficanti di esseri umani, e che siano stati sequestrati dai pm etnei bilanci sospetti di organizzazioni che operano nel Mediterraneo, a questo punto diventa un dettaglio.

Anzi, l’ordine appare chiaro: i riflettori vanno spenti e in fretta. Chi ha “sbagliato” paghi!

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.