'Voto Connection'. Rinvio a giudizio per 87 indagati, Cuffaro: "Tra le carte opacità non prese in considerazione" :ilSicilia.it

le dichiarazioni dell'ex governatore

‘Voto Connection’. Rinvio a giudizio per 87 indagati, Cuffaro: “Tra le carte, opacità non prese in considerazione”

di
24 Agosto 2019

Arrivano le richieste di rinvio a giudizio dell’operazione “Voto Connection”, il Pm Annadomenica Gallucci ha richiesto di mandare alla sbarra 87 persone per attentato ai diritti politici del cittadino, corruzione elettorale ed altri reati. Fissata già l’udienza preliminare che si terrà il prossimo 4 dicembre davanti al GUP del Tribunale di Termini Imerese. Fra i nomi per cui è stato chiesto il rinvio a giudizio risultano quello dell’ex presidente della Regione Siciliana Totò Cuffaro, quello dell’assessore regionale al territorio e ambiente Toto Cordaro, quello del deputato regionale Alessandro Aricò, ed ancora il deputato leghista Attaguile, l’ex deputato regionale Salvatore Caputo ed il fratello Mario, l’ex sindaco di Gangi Giuseppe Ferrarello e il successore Francesco Migliazzo. Il sindaco di Bagheria Filippo Tripoli e quello di Termini Imerese Francesco Giunta.

Proprio l’ex governatore, Totò Cuffaro afferma a IlSicilia.it che:”Dopo la comunicazione della chiusura delle indagini e del deposito degli atti ho ritirato presso la Procura di Termini Imerese tutte le registrazioni. Quelle provenienti dalla mia utenza telefonica le ho più volte ascoltate in questi giorni per capire cosa avrei fatto per commettere lo scambio elettorale, le ho sbobinate e trascritte“.

L’ex leder dell’Udc in Sicilia sostiene che: “In nessuna telefonata c’è alcunché minimamente riferibile a scambio elettorale. Tra le carte ci sono tante cose che invece, chissà perché, non sono state prese in considerazione. So che promettere posti di lavoro è un reato ma so di non averlo fatto. Ho avuto sempre e ho oggi più prima, una ostinata fiducia nella giustizia. Continuo a mantenere rispetto per il lavoro dei Pm. Credo però che sia giusto che ci sia anche rispetto per la mia persona e che la giustizia sia uguale per tutti. Ho il cuore colmo di tristezza e affogo la mia amarezza nel lavoro per i bisognosi del Burundi dove si coltiva la speranza“. Dichiarazioni che lasciano trapelare un contrattacco da parte di Cuffaro e probabilmente qualche opacità riscontrata dallo stesso ex presidente della Regione siciliana in merito all’inchiesta di Termini Imerese.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.