'Voto Connection'. Rinvio a giudizio per 87 indagati, Cuffaro: "Tra le carte opacità non prese in considerazione" :ilSicilia.it

le dichiarazioni dell'ex governatore

‘Voto Connection’. Rinvio a giudizio per 87 indagati, Cuffaro: “Tra le carte, opacità non prese in considerazione”

24 Agosto 2019

Arrivano le richieste di rinvio a giudizio dell’operazione “Voto Connection”, il Pm Annadomenica Gallucci ha richiesto di mandare alla sbarra 87 persone per attentato ai diritti politici del cittadino, corruzione elettorale ed altri reati. Fissata già l’udienza preliminare che si terrà il prossimo 4 dicembre davanti al GUP del Tribunale di Termini Imerese. Fra i nomi per cui è stato chiesto il rinvio a giudizio risultano quello dell’ex presidente della Regione Siciliana Totò Cuffaro, quello dell’assessore regionale al territorio e ambiente Toto Cordaro, quello del deputato regionale Alessandro Aricò, ed ancora il deputato leghista Attaguile, l’ex deputato regionale Salvatore Caputo ed il fratello Mario, l’ex sindaco di Gangi Giuseppe Ferrarello e il successore Francesco Migliazzo. Il sindaco di Bagheria Filippo Tripoli e quello di Termini Imerese Francesco Giunta.

Proprio l’ex governatore, Totò Cuffaro afferma a IlSicilia.it che:”Dopo la comunicazione della chiusura delle indagini e del deposito degli atti ho ritirato presso la Procura di Termini Imerese tutte le registrazioni. Quelle provenienti dalla mia utenza telefonica le ho più volte ascoltate in questi giorni per capire cosa avrei fatto per commettere lo scambio elettorale, le ho sbobinate e trascritte“.

L’ex leder dell’Udc in Sicilia sostiene che: “In nessuna telefonata c’è alcunché minimamente riferibile a scambio elettorale. Tra le carte ci sono tante cose che invece, chissà perché, non sono state prese in considerazione. So che promettere posti di lavoro è un reato ma so di non averlo fatto. Ho avuto sempre e ho oggi più prima, una ostinata fiducia nella giustizia. Continuo a mantenere rispetto per il lavoro dei Pm. Credo però che sia giusto che ci sia anche rispetto per la mia persona e che la giustizia sia uguale per tutti. Ho il cuore colmo di tristezza e affogo la mia amarezza nel lavoro per i bisognosi del Burundi dove si coltiva la speranza“. Dichiarazioni che lasciano trapelare un contrattacco da parte di Cuffaro e probabilmente qualche opacità riscontrata dallo stesso ex presidente della Regione siciliana in merito all’inchiesta di Termini Imerese.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.