Voto di scambio, condannati Raffaele Lombardo e il figlio Toti | ilSicilia.it :ilSicilia.it

erano stati assolti in primo grado

Voto di scambio, condannati Raffaele Lombardo e il figlio Toti

di
10 Luglio 2019

La prima Corte d’appello di Catania ha condannato a un anno di reclusione ciascuno l’ex presidente della Regione Siciliana Raffaele Lombardo e suo figlio Toti con l’accusa di voto di scambio.

Stessa pena è stata comminata agli altri imputati: Ernesto Privitera, Angelo Marino e Giuseppe Giuffrida. Il processo per il “reato elettorale” è stato celebrato dopo il ricorso della Procura contro la sentenza di assoluzione con la formula “perché il fatto non sussiste” emessa Tribunale monocratico, presieduto da Laura Benanti.

L’assoluzione in primo grado per Lombardo e per il figlio dal reato di voto di scambio era arrivata nell’ottobre del 2015.

La vicenda faceva riferimento alle elezioni Regionali celebrate nell’autunno del 2012, che videro l’elezione di Toti Lombardo a deputato regionale nella lista Mpa e delle successive elezioni Politiche del 2013. in quest’ultima competizione elettorale, però, la lista Mpa non era riuscita a superare la soglia di sbarramento che gli avrebbe consentito di eleggere parlamentari nazionali.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.