Voto di scambio, condannato l'ex senatore Pd Nino Papania :ilSicilia.it
Trapani

La sentenza del Tribunale di Trapani

Voto di scambio, condannato l’ex senatore Pd Nino Papania

di
19 Marzo 2019

Il Tribunale di Trapani ha condannato a un anno di reclusione l’ex senatore Nino Papania, accusato di corruzione elettorale per le elezioni amministrative ad Alcamo del 2012 per aver offerto voti in cambio di denaro e posti di lavoro“.

Assieme a lui sono state condannate a otto mesi di reclusione altre quattro persone: Leonardo Vicari, Giovanni Renda, Leonardo De Blasi e Giuseppe De Blasi, rispettivamente padre e figlio. Anche loro sono stati riconosciuti come responsabili della compravendita di voti.

La sentenza è stata emessa dal giudice Franco Messina al termine di un processo durato cinque anni, che riguardava la fase del ballottaggio. Il giudice inoltre ha assolto “per insufficienza di prove” l’ex senatore Papania dall’accusa di aver offerto derrate alimentari in cambio del voto. Papania già nel 2016 è stato condannato per “concorso in voto di scambio” in relazione al primo turno elettorale delle amministrative ad Alcamo del 2012.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“Teoremi, Postulati e Dogmi”

Oggi il capo non vuole più esser messo in discussione. Una mente matematica come la mia nella sua vita si è nutrita di teoremi i quali partendo da condizioni iniziali arbitrariamente stabilite, giungono a conclusioni, dandone una dimostrazione.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.