Voto di scambio: prosciolti Cuffaro, Cordaro, Aricò, Pagano, Salvino e Mario Caputo :ilSicilia.it

il fatto

Voto di scambio: prosciolti Cuffaro, Cordaro, Aricò, Pagano, Salvino e Mario Caputo

di
18 Giugno 2021

“Sono sempre stato convinto che la mia ostinata fiducia nella giustizia avrebbe alla fine avuto ragione. Insieme alla soddisfazione per il proscioglimento, resta l’amarezza per le preoccupazioni causate alla mia famiglia”. Lo dice l’ex governatore siciliano Totò Cuffaro, prosciolto ieri nell’ambito dell’inchiesta che contestava agli indagati, a vario titolo, i reati di voto di scambio, attentato contro i diritti politici del cittadino e di corruzione elettorale. Diciotto degli 87 indagati dalla procura di Termini Imerese sono stati rinviati a giudizio dal gup Valeria Gioeli.

Tra i prosciolti i fratelli Salvino e Mario Caputo, quest’ultimo deputato regionale di FI, l’assessore al Territorio Toto Cordaro, il deputato regionale Alessandro Aricò e il parlamentare della Lega Alessandro Pagano. Tutti erano accusati di avere tentato di condizionare il voto comunale a Termini e le elezioni regionali del 2017. Per il giudice “il fatto non sussiste”.

L’inchiesta partiva da spunti quanto meno singolari, dalla presunta ‘pseudo-sostituzione’ di Mario Caputo, candidato alle regionali di quattro anni fa, proprio con Salvino. In sostanza quest’ultimo avrebbe cercato di sfruttare la propria maggiore notorietà politica facendo credere agli elettori di essere lui il candidato, e non il fratello. Salvatore Caputo pero’ non poteva essere inserito in lista perche’ condannato per abuso d’ufficio e in quel periodo soggetto alle interdizioni della legge Severino. Dalle intercettazioni poi vennero fuori una serie di episodi di voto di scambio che coinvolsero numerosi politici.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin