Voto fuorisede, Azione promuove la proposta di legge :ilSicilia.it
Messina

La proposta

Voto fuorisede, Azione promuove la proposta di legge

di
19 Aprile 2021

Tre messinesi del partito di Calenda sono i promotori della proposta di legge sul voto fuorisede, tra i fautori dell’iniziativa  Fabrizio Provenzano, Referente di Messina in Azione e Responsabile Affari UE di Azione Sicilia.

“Da fuorisede che ha vissuto sulla propria pelle questa condizione, non potevo non pensare a tutti coloro che si trovano e che si troveranno nella stessa situazione” , ha detto Provenzano.

Così, grazie al fondamentale impegno dell’Onorevole Enrico Costa, deputato e Responsabile Giustizia di Azione che ha compreso l’importanza di questa proposta e la porterà avanti alla Camera, grazie ad altri due messinesi del partito, Giulia Carnevale ed Elio Pino, e grazie anche al contributo di tanti ragazzi di Azione provenienti da tutt’Italia che hanno partecipato al gruppo di lavoro, la proposta è stata depositata alla Commissione Affari Costituzionali della Camera”.

“Siamo lieti di sapere che la Commissione abbia deciso di affrontare finalmente il tema del voto dei fuorisede, su cui noi di Azione lavoriamo da tempo e su cui abbiamo depositato la nostra proposta di legge per garantire a studenti e lavoratori l’esercizio del diritto di voto per le elezioni, che esse siano politiche o amministrative, europee o referendum, senza la necessità di dover rientrare nel proprio comune di residenza”, afferma l’on. Costa.

“Adesso – dichiara Giulia Carnevaleci auguriamo tutti un iter veloce che possa portare all’approvazione di quello che sarebbe un grande diritto per milioni di persone.”

È paradossale – dice Elio Pino che i fuorisede che si trovano all’estero per motivi di studio, lavoro o salute possono votare per corrispondenza, perfino se non sono iscritti all’Anagrafe degli italiani residenti all’estero, mentre lo stesso diritto non sia riconosciuto a chi si trova stabilmente in una diversa regione d’Italia”.

“Sarebbe impensabile – continuano i tre ragazzi-  in un momento in cui una pandemia colpisce il mondo intero, che un fuorisede debba correre il rischio di rientrare presso la residenza affrontando spesso viaggi interminabili per esprimere il proprio voto, da sempre simbolo della vittoria della democrazia. Per questo ci auguriamo che si ponga rimedio approvando la nostra proposta grazie all’Onorevole Enrico Costa.

La proposta prevede che gli elettori fuorisede possano richiedere entro un mese prima delle elezioni di votare per corrispondenza – spiegano i promotori- . Dopo aver inoltrato la richiesta, verrà inviato presso il Comune di domicilio dell’elettore un plico, da ritirare il giorno stabilito per esprimere il proprio voto. Dopo averlo espresso e aver introdotto la scheda nella apposita busta, questa sarà successivamente sigillata e spedita al Comune di residenza che deve riceverla entro il giorno prima delle elezioni.”

Questo significa fare politica per il bene comune. Azione nasce per questo. Io mi spendo per questo”, conclude Provenzano.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco