23 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 09.54

Wanted perde un uomo fondamentale

11 Marzo 2019

Il 10 marzo del 241 a.C. la battaglia delle Egadi metteva fine alla prima guerra punica cambiando la storia del Mediterraneo con la vittoria dei Romani sui Cartaginesi.

Il 10 marzo 2019 il destino ha voluto che l’uomo che ha riscritto quella storia cambiasse la sua.

Nei libri di storia veniva riportato che le acque della battaglia delle Egadi, erano quelle di Favignana. Almeno si credeva fino a quando l’intuito di Tusa veniva confermato da un ritrovamento fortuito di un rostro, in uno studio di un dentista di Trapani, che dichiarò di averlo ricevuto in dono da un pescatore che lo aveva ritrovato nelle reti calate nelle acque di Levanzo.

Il fiuto di Tusa non aveva fallito, avviando immediatamente le ricerche in quella nuova zona, il mare iniziò a restituire altri rostri, elmi e centinaia di anfore.

Sebastiano Tusa sposta la storia da Favignana a Levanzo: la sua teoria trova fondamento, assegnando a quei luoghi i combattimenti dei romani contro la flotta cartaginese.

Non sono pronto per raccontare l’amico Sebastiano Tusa, ma come “Wanted” mi correva l’obbligo di ricordare una figura fondamentale, che ci ha permesso di far conoscere il nostro progetto, sulla tutela e la prevenzione contro i furti di oggetti d’arte, in quasi tutti i continenti del pianeta.

Ci mancherà a tutti, più di quanto le parole possano dire.
Ciao Seb!

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.