Wanted perde un uomo fondamentale | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Wanted perde un uomo fondamentale

di
11 Marzo 2019

Il 10 marzo del 241 a.C. la battaglia delle Egadi metteva fine alla prima guerra punica cambiando la storia del Mediterraneo con la vittoria dei Romani sui Cartaginesi.

Il 10 marzo 2019 il destino ha voluto che l’uomo che ha riscritto quella storia cambiasse la sua.

Nei libri di storia veniva riportato che le acque della battaglia delle Egadi, erano quelle di Favignana. Almeno si credeva fino a quando l’intuito di Tusa veniva confermato da un ritrovamento fortuito di un rostro, in uno studio di un dentista di Trapani, che dichiarò di averlo ricevuto in dono da un pescatore che lo aveva ritrovato nelle reti calate nelle acque di Levanzo.

Il fiuto di Tusa non aveva fallito, avviando immediatamente le ricerche in quella nuova zona, il mare iniziò a restituire altri rostri, elmi e centinaia di anfore.

Sebastiano Tusa sposta la storia da Favignana a Levanzo: la sua teoria trova fondamento, assegnando a quei luoghi i combattimenti dei romani contro la flotta cartaginese.

Non sono pronto per raccontare l’amico Sebastiano Tusa, ma come “Wanted” mi correva l’obbligo di ricordare una figura fondamentale, che ci ha permesso di far conoscere il nostro progetto, sulla tutela e la prevenzione contro i furti di oggetti d’arte, in quasi tutti i continenti del pianeta.

Ci mancherà a tutti, più di quanto le parole possano dire.
Ciao Seb!

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.