Whatsapp: che cosa è cambiato dal 15 maggio :ilSicilia.it

Whatsapp: che cosa è cambiato dal 15 maggio

di
16 Maggio 2021

Whatsapp è cambiato da ieri: dal 15 maggio, infatti, gli utenti che hanno deciso di continuare a usarlo hanno dovuto accettare le modifiche della popolare app di messagistica istantanea. Ma cosa è cambiato? Lo ha spiegato l’Agi.

CHE COSA E’ SUCCESSO IL 15 MAGGIO: Lo ha spiegato Whatsapp rispondendo a una serie di Faq sul suo sito: se l’utente non accetta l’aggiornamento, “il 15 maggio non sarà eliminato nessun account e non si perderanno funzionalità”. Non c’è quindi un interruttore che spegne le versioni non aggiornate. L’intervento sarà graduale. Come gia’ nei mesi scorsi, sull’app continuerà a comparire la notifica che invita ad approvare le nuove condizioni. “Il promemoria – spiega Whatsapp – diventerà persistente dopo un periodo di alcune settimane”. Non c’è quindi una data puntuale, né una scadenza comune a tutti gli utenti. Le cose inizieranno a cambiare quando la notifica diventerà fissa. A questo punto, fino a quando non sarà accettato l’aggiornamento si avrà “un accesso limitato alle funzionalità”. Si potrà rispondere alle chiamate e alle videochiamate in arrivo. In caso di notifiche attive, l’utente potrà toccarle per leggere i messaggi, rispondere o richiamare in caso di chiamata persa. Non avrà però accesso alla lista delle chat e non potrà quindi inviare un messaggio per primo o aprire nuove conversazioni. In questo limbo (durante il quale è possibile esportare le proprie chat) l’utente rimarrà “alcune settimane”. Poi una nuova restrizione: smetterà di ricevere chiamate e notifiche. E non potrà neppure rispondere ai messaggi.

L’ACCOUNT “INDOTTO” ALL’ELIMINAZIONE: Whatsapp darà un po’ di tempo prima di mettere le ganasce. Quando arriverà, però, il blocco diventerà il probabile preludio alla cancellazione del profilo. Whatsapp spiega che “non eliminerà l’account se non accetti l’aggiornamento”, ma invita a “tener presente” che “verrà applicata la normativa sugli utenti inattivi”: dopo 120 giorni senza accedere, l’account verrà eliminato. Addio per sempre (l’azione non e’ reversibile) a cronologia dei messaggi, gruppi e backup. La procedura dei 120 giorni è già in vigore da tempo e – sottolinea l’applicazione – è “separata” dal consenso all’aggiornamento. Di fatto, però, le due cose sono legate: se non si ha la possibilità di usare l’app, non c’è motivo di accedere. E se non si accede l’account scompare.

LA SCADENZA E’ MOBILE: La prima scadenza dell’aggiornamento era stata fissata a febbraio. Whatsapp ha poi deciso di rimandarla al 15 maggio per ammortizzare proteste e ed effetti collaterali, come l’impennata dei download delle altre app di messaggistica, come Telegram e Signal. Le nuove condizioni hanno provocato l’intervento dei garanti della privacy in diversi Paesi. Quello italiano aveva definito l’informativa “poco chiara”. L’app ha quindi cercato di renderla più trasparente, smentendo i timori iniziali. A una prima lettura, sembrava infatti che l’aggiornamento lasciasse maggiore libertà di condivisione dei dati con la casa madre Facebook.

COSA CAMBIA E COSA RESTA: In realtà, con la nuova informativa non cambia nulla nelle conversazioni tra amici e familiari. L’app continuerà ad avere la crittografia end-to-end, che non permette né a Whatsapp né a Facebook di leggere le conversazioni o condividere i contatti. Il cambiamento riguarda solo le conversazioni con le imprese (che è il canale con il quale Mark Zuckerberg ha deciso di fare soldi con Whatsapp). Gli utenti devono sapere che “la messaggistica con le aziende è diversa dalla messaggistica tra privati”. Le società “possono vedere le conversazioni e potrebbero utilizzare queste informazioni per finalità di marketing, che potrebbero comprendere anche le inserzioni su Facebook”. Le imprese possono inoltre “utilizzare Facebook come fornitore di servizi tecnologici per gestire le chat Whatsapp con i clienti, rispondere alle domande e inviare informazioni utili”. In altre parole: Facebook ottiene più dati, ma in modo indiretto, per scelta delle aziende e degli utenti e solo nelle conversazioni con le imprese.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Una via per Franca Florio

La vita di Franca Florio, fatta di discese ardite e dure risalite è una grande storia, la fortuna, la sfortuna, la ricchezza, la povertà, la felicità, il dolore, si mischiano in quello che è un romanzo più romanzo di ogni pagina immaginata.

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.