19 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.56
Trapani

amanti del genere provenienti da tutta italia

XI Festival degli Aquiloni: a San Vito lo Capo il cielo si colora di emozioni | LE FOTO

20 Maggio 2019
'
'
'
'
'
'
'
'
dav
'
cof
dav
'
'
cof
'
dav
dav

Scorri le foto in alto

Emozioni a naso in su in quel di San Vito lo Capo dove domenica 19 maggio si è conclusa l’XI edizione del Festival Internazionale degli Aquiloni, tra mongolfiere, parapendio, kitesurf, laboratori didattici e naturalmente gli aquiloni.

Costruiti con materiali leggeri e resistenti, impreziositi da disegni che evocano la bellezza della natura, con colori variopinti o dalle forme estrose: per quattro giorni oltre una cinquantina di opere volanti dei maggiori maestri aquilonisti di fama nazionale ed internazionale hanno abbracciato e tinteggiato il cielo del borgo marinaro trapanese.

“L’undicesima edizione del Festival degli Aquiloni è andata oltre ogni mia aspettativa, dato il meteo capriccioso degli ultimi tempi, che in questi giorni ha invece incoraggiato molta gente ad affollare le spiagge”, ha spiegato Ignazio Billera, ideatore dell’evento, lo stesso del Festival degli Aquiloni di Capo Peloro, nel messinese, la cui recente terza edizione si è svolta dal 26 al 28 aprile, ed ancora di Marina Vola, a Marina di Ragusa, e per il quale sono già in corso i preparativi per la seconda edizione, prevista dal 16 al 20 ottobre.
“L’idea – aggiunge Billera – è quella di unire i tre capi della Sicilia, affinché essa stessa diventi un aquilone che voli in alto nel cielo. Perché la Sicilia deve volare in alto!”.

Da giovedì scorso decine di maestri della “fantasia” provenienti da Italia, Polonia e Francia sono accorsi sulla spiaggia di San Vito lo Capo, dove hanno dato sfoggio della loro arte e creatività con esibizioni acrobatiche, volo libero, aquiloni giganti, aquiloni giapponesi Rokkaku, aquiloni monofilo.

Per qualcuno un appuntamento con l’infanzia, per qualcun altro il pretesto per una giornata di sole accarezzati da un vento finalmente primaverile, ma soprattutto un momento di incontro e contatto fra le persone, insieme per celebrare una tradizione antica, un oggetto ricreativo sinonimo di sogno e libertà, e che da sempre attira grandi e piccini. Anche quest’anno infatti in tanti, soprattutto famiglie, hanno risposto al richiamo del Festival Internazionale degli Aquiloni, in un vero e proprio dialogo tra cielo e terra.

“L’uomo ha sempre sognato di volare. – conclude Ignazio Billera – Viaggiando e girando per l’Italia e per il mondo, ho scoperto che esistevano già altri festival a tema. Mi sono detto perché non anche in Sicilia. È stata dura, ma la mia tenacia, la mia testa di più.”

L’evento è stato organizzato da Medifiere S.r.l. col patrocinio del Comune di San Vito lo Capo, con la collaborazione dell’Associazione Culturale Sensi Creativi, dell’Associazione Culturale Trapani Eventi e degli operatori turistici del territorio; in questa stessa collaborazione si confida per l’organizzazione della prossima edizione.

 

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I lupi si travestono da nonne innocue

Il termine pedofilia (dal greco pais, fanciullo, e philìa, amore) dovrebbe significare una predisposizione naturale dell'adulto verso il fanciullo. Attenzioni che, in apparenza, sembrano dettate da amore e dedizione, possono, in realtà, mascherare un'inquietante e distruttiva perversione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.