XXII Anniversario della morte del Caposquadra Giuseppe Siciliano: "Vittima del dovere" :ilSicilia.it
Palermo

Il ricordo

XXII Anniversario della morte del Caposquadra Giuseppe Siciliano: “Vittima del dovere”

di
8 Marzo 2021

L’11 marzo ricorrerà il ventiduesimo anniversario della morte in servizio del Caposquadra Giuseppe Siciliano. Il CS Siciliano è stato insignito, com’è noto, della Medaglia d’Argento al Valor Civile, oltre al riconoscimento di “Vittima del Dovere” a seguito di un intervento di soccorso tecnico urgente avvenuto in Palermo in data 11.03.1999, nel quale lo stesso perdeva la vita.

Al fine di dare completezza ai riconoscimenti già ottenuti di altissime qualità morali e professionali del dipendente, si riporta di seguito una sintetica descrizione dell’intervento di soccorso tecnico urgente che causò la morte del Collega. Nel tardo pomeriggio dell’11 marzo 1999 il CS Siciliano ancora libero dal servizio, ma trovandosi in sede centrale del Comando di Palermo in attesa di effettuare il suo turno notturno, apprendeva la notizia del crollo di un muro di un fabbricato sito a Palermo in via Giuseppe Pagano n. 5. Aggregatosi spontaneamente alla squadra di “prima partenza” che era stata destinata dalla Sala Operativa a recarsi sul posto, collaborava attivamente alle operazioni di evacuazione degli occupanti dell’edificio ivi ubicato, che manifestava evidenti segni di cedimento strutturale.

Mentre il personale della squadra VF si preparava all’apprestamento dei mezzi per velocizzare le operazioni di evacuazione, il CS Siciliano si portava all’interno dell’edificio per consentire l’evacuazione di una famiglia che si trovava al quarto piano dell’edificio impossibilitata ad uscire a causa del blocco della porta blindata dell’appartamento dovuto al dissesto in atto. Improvvisamente l’intero edificio crollava ed il CS, insieme ai componenti della famiglia occupante l’appartamento del quarto piano, rimanevano sepolti dalle macerie senza possibilità di scampo considerato il repentino e rovinoso crollo dell’interno edificio.

Il corpo del CS veniva rinvenuto ed estratto dalle macerie dai colleghi dopo 21 ore di estenuante lavoro. Per questo atto di eroismo questo Comando ha già intitolato la sede distaccata di Corleone alla memoria del CS Giuseppe Siciliano con commosso cerimoniale avvenuto nel novembre del 2017 al fine di ricordare, alle nuove generazioni di Vigili del Fuoco, il gesto eroico compiuto dal collega. Analogamente anche l’amministrazione Comunale di Palermo , condividendo l’atto eroico di cui sopra , ha ritenuto di intitolare la villetta presente nei paraggi al luogo del crollo al compianto Siciliano.

Per la ricorrenza indicata in premessa ,il Comando intende procedere in data 11 marzo 2021 (giovedì) alle ore 10.00 alla cerimonia di commemorazione dell’evento sui luoghi, presso la villetta comunale di Via Giuseppe Pagano , in presenza delle Autorità Civili e Militari.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin