Yousif Latif Jaralla a ilSicilia.it: "L'uomo vive portando sempre con sé ciò che ama" | Video intervista :ilSicilia.it
Palermo

cantastorie e narratore iracheno

Yousif Latif Jaralla a ilSicilia.it: “L’uomo vive portando sempre con sé ciò che ama” | Video intervista

24 Luglio 2019

Guarda la video intervista in alto 

Narrare per afferrare ciò che fugge, per condividere con il prossimo seguendo le radici delle proprie origini e proiettandosi al futuro. Sintetizza così la sua vita artistica Yousif Latif Jaralla, cantastorie e narratore iracheno che dal 1980 vive a Palermo.

In città è conosciuto da tutti per il suo modo di raccontare storie che unisce alle parole, scelte con cura, la sonorità dei tamburi, in un ritmo circolare che richiama la spiritualità propria dei Sufi: si crea così l’occasione per giungere alla vera realtà, ci dice.

Yousif Latif Jaralla

Parla di circolarità Yousif con la semplicità di chi vive ogni momento con consapevolezza: “Si comincia dove si finisce. La circolarità non è ripetizione ma opportunità per superare un livello ed evolvere“.

Le tematiche delle sue narrazioni, come spiega nella video intervista, si nutrono della sua vita, dei suoi familiari e delle storie che “attingono al passato per approdare al futuro“. La sua è una necessità personale, l’occasione per non sprecare il patrimonio umano ereditato di generazione in generazione.

Tutti hanno bisogno di comunicare e condividere le loro storie, si vede benissimo dall’utilizzo dei social network; quello che conta è raccogliere l’eredità spirituale di ciò che ci è stato tramandato“.

Yousif Latif Jaralla

Recentemente ha riproposto, all’interno del cartellone de “La Macchina dei Sogni“, lo spettacolo “L’anno della mosca” che, a distanza di quasi un ventennio dal suo debutto, risulta sempre attuale: “Raccontare serve anche a condividere le sofferenze e affrontare la vita che non è facile per nessuno“.

Chi ha assistito ai suoi spettacoli conosce già l’atmosfera, quasi fuori dal tempo e dallo spazio, che quest’artista ricrea e condivide con il pubblico e chi ha avuto la possibilità di chiacchierare un po’ con lui si rende conto della generosità e profondità consapevole di quest’uomo. Timido, riservato e anche un po’ schivo, a microfoni spenti ci ha salutato con questa frase che vogliamo condividere con voi: “Io non sono al mondo per respirare aria, io amo l’aria che respiro“.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.