Zafarana: "I finanziamenti per Messina? Balle spaziali di Cateno De Luca" :ilSicilia.it
Messina

La deputata del M5S replica sui fondi Poc

Zafarana: “I finanziamenti per Messina? Balle spaziali di Cateno De Luca”

di
9 Maggio 2018

Cateno De Luca accusa Valentina Zafarana di “ostruzionismo all’Ars” sulle iniziative presentate in aula per sostenere il territorio di Messina e la deputata del Movimento Cinque Stelle replica “per le rime”. Zafarana va al contrattacco, riservando pesanti bordate al collega e candidato sindaco per le Comunali del 10 giugno nella Città dello Stretto.

“In uno dei suoi memorabili film – afferma in una nota Zafarana -, Totò vendeva la Fontana di Trevi a un turista credulone che, al momento di reclamare il suo diritto di proprietà sul monumento, veniva direttamente portato in manicomio. Non auguriamo la stessa fine all’on. Cateno De Luca, ma il rischio che le sue dichiarazioni finiscano nella rubrica “balle spaziali” è incredibilmente consistente”.

“Ma veniamo ai fatti – continua Zafarana -. Da giorni vengo accusata di aver “provato a bloccare le centinaia di milioni” che lui avrebbe portato a Messina. Come Movimento, saremmo i primi a gioire se Messina venisse sommersa da fiumi di milioni. Purtroppo, nulla di quello che dice Cateno è vero. O nella più remota delle ipotesi, rappresenta solo una vana speranza. E lui lo sa benissimo. Per due semplici motivi: il primo è che il fondo Poc da cui avrebbe attinto le risorse, non è utilizzabile per gli scopi da lui indicati e con le modalità da lui usate. Semplicemente perché quel fondo è il Programma Operativo Complementare che rientra all’interno della programmazione e non può un deputato regionale riprogrammare quella spesa. L’unico modo per farlo era modificare l’articolo che prevedeva somme “solo per Messina” e ampliarlo a tutta la Sicilia. Così come avevamo proposto noi. Ma lui probabilmente non ha colto. Le somme quindi per “il superamento della crisi idrica di Messina”, per “la bonifica dell’Ex-Sanderson”, per “il risanamento della città di Messina” che lui rivendica oggi non esistono”.

“Il secondo motivo – aggiunge la parlamentare messinese dei grillini – è che i fondi Poc sono totalmente impegnati per finanziare l’Accordo di Programma previsto nella Delibera Cipe 94/2015 e addirittura versati su una contabilità speciale prevista solo per quegli interventi. Il Poc è un fondo di 1.600 milioni così impegnati: 780 milioni per la delibera Cipe n. 94/2015; 297,5 milioni per la L.R. n. 3/2016; 555,31 milioni con deliberazioni di Giunta”.

Poi l’affondo finale della Zafarana.Ripeto, saremmo i primi a gioire se Messina potesse godere di risorse economiche maggiori, ma siamo anche i primi (e forse gli unici) a portare avanti una politica seria e concreta che non prende in giro i cittadini con finti slogan e boutade da quattro soldi. Consigliamo quindi all’on. De Luca – conclude la deputata grillina – di evitare di dispensare inesattezze e conservare il fiato per qualcosa di più utile. Tipo suonare la zampogna, pratica in cui sembra eccellere”. 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Il Principe e il Povero

E proprio vero “u saziu nun po' cridiri o diunu, è facile fare la persona di principio con l’appannaggio annuo di 2.000.000 sterline che ti passa to nonna". Fu a quel punto che comprese l’importanza e la fortuna di essere povero

Politica

di Elio Sanfilippo

Il putiferio palermitano del Pd

Il putiferio all’interno del Partito democratico palermitano pare che sia scoppiato in seguito ad una intervista rilasciata dal segretario Rosario Filoramo accusato di autoreferenzialità, di una gestione accentratrice del partito e, soprattutto, di avere lanciato la sua sindacatura a sindaco di Palermo senza alcuna consultazione e riunione degli organismi dirigenti. 

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti