14 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.41
Palermo

la richiesta degli avvocati dell'ex patron

Zamparini ai domiciliari, i legali: “L’arresto va subito revocato”

26 Gennaio 2019

“La Cassazione ha rigettato il ricorso sugli arresti domiciliari, ma, come noto, può solo giudicare su vizi di legittimità, mentre nel caso nostro sono i fatti soprattutto rilevanti”. Lo sostiene lo staff dei legali di Maurizio Zamparini in una nota inviata all’Ansa sulla decisione assunta dai giudici della Suprema corte di confermare gli arresti domiciliari all’imprenditore friulano nell’ambito delle indagini sulla gestione del Palermo.

“La Cassazione – prosegue la nota dell’ufficio legale di Zampariniche non giudica nel merito, ha sentenziato che la richiesta per come presentata è possibile e pertanto sono possibili gli arresti domiciliari in via cautelativa. La stessa Corte ha escluso gli illeciti fiscali ed il riciclaggio, rigettando tutte le richieste del pm. In ogni caso, è intenzione della difesa presentare istanza di revoca fondata sull’ormai definitiva uscita di Zamparini dalla proprietà e dalla gestione della società calcistica; e ciò senza dover neanche tornare alle numerose questioni di merito relative alle contestazioni avanzate”.

“L’ordinanza del Tribunale del riesame – scrive l’ufficio legale dell’ex patron del Palermo – che disponeva gli arresti cautelari a Zamparini sosteneva che per il suo passato malavitoso era ancora in grado di delinquere essendo da ritenersi il proprietario e dominus del Palermo, anche se non faceva più parte del CdA. La richiesta di revoca immediata viene fatta perché i presupposti che il riesame ha esaminato per la sua pronuncia di ottobre 2018 non esistono più. Infatti a dicembre 2018 è stata ceduta da Zamparini la proprietà del Palermo e lo stesso non ricopre più nessuna carica sociale né può interferire con qualsivoglia decisione societaria”.

Nel merito degli arresti domiciliari confermati dalla Cassazione, i legali di Zamparini sostengono che “la misura cautelare che doveva impedire le interferenze su decisioni societarie amministrative e di bilancio essendo nell’ottobre 2018 Zamparini ancora proprietario del Palermo, oggi non ha più alcuna ragione di esistere in quanto lo stesso Zamparini ha ceduto la proprietà del Palermo calcio“.

 

Leggi anche:

Zamparini furioso: “Storia di vergogna per Palermo”

L’ex patron rosanero Zamparini ai domiciliari. Lo ha deciso la Corte di Cassazione

 

Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.