Zamparini ai domiciliari, i legali: "L'arresto va subito revocato" :ilSicilia.it
Palermo

la richiesta degli avvocati dell'ex patron

Zamparini ai domiciliari, i legali: “L’arresto va subito revocato”

di
26 Gennaio 2019

“La Cassazione ha rigettato il ricorso sugli arresti domiciliari, ma, come noto, può solo giudicare su vizi di legittimità, mentre nel caso nostro sono i fatti soprattutto rilevanti”. Lo sostiene lo staff dei legali di Maurizio Zamparini in una nota inviata all’Ansa sulla decisione assunta dai giudici della Suprema corte di confermare gli arresti domiciliari all’imprenditore friulano nell’ambito delle indagini sulla gestione del Palermo.

“La Cassazione – prosegue la nota dell’ufficio legale di Zampariniche non giudica nel merito, ha sentenziato che la richiesta per come presentata è possibile e pertanto sono possibili gli arresti domiciliari in via cautelativa. La stessa Corte ha escluso gli illeciti fiscali ed il riciclaggio, rigettando tutte le richieste del pm. In ogni caso, è intenzione della difesa presentare istanza di revoca fondata sull’ormai definitiva uscita di Zamparini dalla proprietà e dalla gestione della società calcistica; e ciò senza dover neanche tornare alle numerose questioni di merito relative alle contestazioni avanzate”.

“L’ordinanza del Tribunale del riesame – scrive l’ufficio legale dell’ex patron del Palermo – che disponeva gli arresti cautelari a Zamparini sosteneva che per il suo passato malavitoso era ancora in grado di delinquere essendo da ritenersi il proprietario e dominus del Palermo, anche se non faceva più parte del CdA. La richiesta di revoca immediata viene fatta perché i presupposti che il riesame ha esaminato per la sua pronuncia di ottobre 2018 non esistono più. Infatti a dicembre 2018 è stata ceduta da Zamparini la proprietà del Palermo e lo stesso non ricopre più nessuna carica sociale né può interferire con qualsivoglia decisione societaria”.

Nel merito degli arresti domiciliari confermati dalla Cassazione, i legali di Zamparini sostengono che “la misura cautelare che doveva impedire le interferenze su decisioni societarie amministrative e di bilancio essendo nell’ottobre 2018 Zamparini ancora proprietario del Palermo, oggi non ha più alcuna ragione di esistere in quanto lo stesso Zamparini ha ceduto la proprietà del Palermo calcio“.

 

Leggi anche:

Zamparini furioso: “Storia di vergogna per Palermo”

L’ex patron rosanero Zamparini ai domiciliari. Lo ha deciso la Corte di Cassazione

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.