Zero sponsor alla finestra, SBC Palermo basket non si iscriverà alla prossima Serie A1 :ilSicilia.it
Palermo

L'ANNUNCIO DEL PRESIDENTE ADOLFO ALLEGRA

Zero sponsor alla finestra, SBC Palermo basket non si iscriverà alla prossima Serie A1

di
3 Giugno 2020

Dopo la crisi che ha colpito la Fortitudo Agrigento, il basket siciliano perde un altro pezzo importante. La SBC Palermo non si iscriverà al prossimo campionato di Serie A1 Femminile.

Ad annunciarlo è il presidente della società sportiva Adolfo Allegra, in un accorato post pubblicato sulla pagina ufficiale Facebook del team. Alla base della decisione, la mancanza di sponsor per intraprendere la prossima stagione.

A seguito della crisi causata dall’emergenza covid-19, il main sponsor della società, ovvero Sicily By Car, è stata costretta a non potere rinnovare la partnership. Al contempo, anche le cliniche Andros, capitanate dallo stesso presidente Allegra, non hanno le risorse economiche per una pool. Da qui deriva la dolorosa decisione.

La Verga basket (questo è il nome originale della squadra), ripartirà con ogni probabilità dal torneo di B. Liberate quindi tutti le ragazze del team, nonché il tecnico Santino Coppa.

Una brutta perdita anche per il progetto di Polisportiva Virtuale di Dario Mirri. La SBC Palermo era infatti una delle principali candidate ad entrare nel progetto della SSD Palermo.

LE PAROLE DI ADOLFO ALLEGRA

Nei giorni scorsi ho chiesto al nostro ‘main sponsor’ della scorsa stagione, Sicily by Car, quali fossero i loro intendimenti per il prossimo anno“.

Sbc Palermo basket Allegra
Adolfo Allegra

Come immaginavo e prevedevo il presidente Dragotto, in un’accorata e sincera mail, mi ha risposto che, in rapporto alla drammatica crisi che durante la quarantena ha colpito tutte le attività commerciali e in particolare quelle come la sua legate al turismo e ai viaggi, non potrà rinnovare il contratto di sponsorizzazione.

Peraltro devo dire che anche ANDROS, la società di cui sono presidente e che nell’anno 2019-20 è stato il ‘second sponsor’ della nostra squadra, in relazione al lockdown che ha bloccato l’attività clinica per quasi tre mesi costringendoci a mettere in cassa integrazione 40 nostri dipendenti, non potrà l’anno prossimo impegnare nessun budget per sponsorizzazioni“.

La logica conseguenza di quanto rappresentato sarà che VERGA Basket non potrà iscriversi né al prossimo campionato di A1 né a quello di A2. Abbiamo quindi “liberato” tutte le nostre giocatrici e il nostro grande coach Santino Coppa, i quali affettuosamente avevano aspettato fino ad oggi, con grande attaccamento ai colori sociali, le nostre determinazioni“.

Questa inevitabile decisione amareggia tanto me quanto la VicePresidente Simona Chines, il Direttore Generale Peppino Scimone insieme allo staff tutto. Il titolo di A1 è, però, un patrimonio inestimabile per la città e quindi mi rivolgerò alle istituzioni, ben sapendo peraltro che questo è un momento drammatico anche per la politica, per chiedere aiuto“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.