Zingaretti a Palermo infiamma gli scontenti del Pd: "Ora serve un partito nuovo" | Video :ilSicilia.it
Banner Bibo
Palermo

oggi all'astoria palace

Zingaretti a Palermo infiamma gli scontenti del Pd: “Ora serve un partito nuovo” | Video

di
21 Dicembre 2018

Guarda il video in alto

Il Pd può ripartire dall’incontro di oggi 21 dicembre all’Astoria Palace di Palermo? Nicola Zingaretti, il presidente della Regione Lazio e candidato alla segreteria nazionale dem, lo auspica. “Vogliamo ricostruire la fiducia verso il Partito democratico – ha detto nel corso della riunione –  o il Pd cambia oppure non sarà mai alternativa credibile. Da Palermo, con l’assemblea di oggi, vogliamo far partire una nuova fase. Io lavorerò perchè si costruisca un partito diverso”.

Il Governatore ha raggiunto il Capoluogo per partecipare all’iniziativa “Piazza Grande” organizzata dall’ex candidata alle primarie siciliane Teresa Piccione. Tra gli altri, erano presenti anche il capogruppo del Pd all’Ars Giuseppe Lupo, i deputati regionali Antonello Cracolici, Antony Barbagallo e Baldo Gucciardi, l’ex presidente del Parco dei Nebrodi, Giuseppe Antoci, e molti fra sindaci, consiglieri comunali da tutta la Sicilia.

In Sicilia lo stop alle primarie per la scelta della nuova guida del Partito Democratico sono state “un’occasione mancata, ma adesso non fermiamoci al presente. Abbiamo due mesi di grande mobilitazione popolare. Vogliamo il nuovo Pd e lo costruiremo anche in Sicilia, aprendoci all’ascolto di chi ha bisogno, di chi è deluso e di chi è arrabbiato, dei militanti sfiduciati“. Il riferimento a Davide Faraone, eletto segretario dopo il passo indietro della sua avversaria, Teresa Piccione, è evidente. Quest’ultima, nei giorni scorsi, ha bollato le primarie in Sicilia come “una consultazione falsa” con la mobilitazione di massa di militanti di Forza Italia e Sicilia Futura.

“Il populismo – ha aggiunto Zingarettiè una forma che rappresenta i problemi, li denuncia e li cavalca. Noi siamo quelli che i problemi li vogliono risolvere e per fare questo serve un grande nuovo Partito democratico e intorno a questo partito una alleanza. Non si sconfigge il populismo con il trasformismo, anzi lo si nutre“.

Per Zingaretti, inoltre, si avverte “la necessità di costruire un dialogo con le persone, uscire dagli schemini che sembrano nuovi, ma poi coinvolgono sempre gli stessi capibastone. Dobbiamo guardare alle persone che stanno male, a quanti soffrono, alle imprese che vogliono crescere e che potranno farlo sempre di meno perchè si stanno rimodulando tutti gli incentivi allo sviluppo.”.

“Quindi si tratta di tornare a costruire un nuovo partito che apra le porte e le finestre. E ricostruisce alleanze con i soggetti sociali che non sono stati ascoltati“.

 

 

Leggi anche:

 

Primarie Pd in Sicilia, Piccione: “Faraone è paradossale”

Pd sull’orlo del crack, Piccione “Mi ritiro, false primarie in Sicilia”

Primarie Pd: Teresa Piccione candidata per l’area Zingaretti

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco