Zingaretti a Palermo infiamma gli scontenti del Pd: "Ora serve un partito nuovo" | Video :ilSicilia.it
Palermo

oggi all'astoria palace

Zingaretti a Palermo infiamma gli scontenti del Pd: “Ora serve un partito nuovo” | Video

di
21 Dicembre 2018

Guarda il video in alto

Il Pd può ripartire dall’incontro di oggi 21 dicembre all’Astoria Palace di Palermo? Nicola Zingaretti, il presidente della Regione Lazio e candidato alla segreteria nazionale dem, lo auspica. “Vogliamo ricostruire la fiducia verso il Partito democratico – ha detto nel corso della riunione –  o il Pd cambia oppure non sarà mai alternativa credibile. Da Palermo, con l’assemblea di oggi, vogliamo far partire una nuova fase. Io lavorerò perchè si costruisca un partito diverso”.

Il Governatore ha raggiunto il Capoluogo per partecipare all’iniziativa “Piazza Grande” organizzata dall’ex candidata alle primarie siciliane Teresa Piccione. Tra gli altri, erano presenti anche il capogruppo del Pd all’Ars Giuseppe Lupo, i deputati regionali Antonello Cracolici, Antony Barbagallo e Baldo Gucciardi, l’ex presidente del Parco dei Nebrodi, Giuseppe Antoci, e molti fra sindaci, consiglieri comunali da tutta la Sicilia.

In Sicilia lo stop alle primarie per la scelta della nuova guida del Partito Democratico sono state “un’occasione mancata, ma adesso non fermiamoci al presente. Abbiamo due mesi di grande mobilitazione popolare. Vogliamo il nuovo Pd e lo costruiremo anche in Sicilia, aprendoci all’ascolto di chi ha bisogno, di chi è deluso e di chi è arrabbiato, dei militanti sfiduciati“. Il riferimento a Davide Faraone, eletto segretario dopo il passo indietro della sua avversaria, Teresa Piccione, è evidente. Quest’ultima, nei giorni scorsi, ha bollato le primarie in Sicilia come “una consultazione falsa” con la mobilitazione di massa di militanti di Forza Italia e Sicilia Futura.

“Il populismo – ha aggiunto Zingarettiè una forma che rappresenta i problemi, li denuncia e li cavalca. Noi siamo quelli che i problemi li vogliono risolvere e per fare questo serve un grande nuovo Partito democratico e intorno a questo partito una alleanza. Non si sconfigge il populismo con il trasformismo, anzi lo si nutre“.

Per Zingaretti, inoltre, si avverte “la necessità di costruire un dialogo con le persone, uscire dagli schemini che sembrano nuovi, ma poi coinvolgono sempre gli stessi capibastone. Dobbiamo guardare alle persone che stanno male, a quanti soffrono, alle imprese che vogliono crescere e che potranno farlo sempre di meno perchè si stanno rimodulando tutti gli incentivi allo sviluppo.”.

“Quindi si tratta di tornare a costruire un nuovo partito che apra le porte e le finestre. E ricostruisce alleanze con i soggetti sociali che non sono stati ascoltati“.

 

 

Leggi anche:

 

Primarie Pd in Sicilia, Piccione: “Faraone è paradossale”

Pd sull’orlo del crack, Piccione “Mi ritiro, false primarie in Sicilia”

Primarie Pd: Teresa Piccione candidata per l’area Zingaretti

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.