Zingaretti su Faraone e la situazione del Pd in Sicilia: "Un vulnus che divide" :ilSicilia.it
Catania

a catania per il tour elettorale

Zingaretti su Faraone e la situazione del Pd in Sicilia: “Un vulnus che divide”

di
12 Febbraio 2019

Il 3 marzo si avvicina e le primarie del Partito Democratico avanzano a grandi passi. Se proprio devi tagliare delle teste, meglio farlo subito per evitare stillicidi e rendere più sicuro chi invece rimarrà. Nicola Zingaretti, candidato alla segreteria del Pd, questo lo sa bene e se dovesse essere il prossimo sherpa dei Dem non è detto che Davide Faraone venga riconfermato.

Un vulnus che divide“, così il governatore della Regione Lazio, a Catania per una delle tappe del suo tour elettorale “Piazza grande”, ha definito la situazione politica del partito in Sicilia e la gestione attuale. Non fa nomi, ma il riferimento alle polemiche che hanno investito il luogotenente renziano appare più che evidente.

Un giornalista, infatti, gli ha chiesto come potrebbe ricomporre le fila del partito siciliano qualora venisse eletto segretario nazionale. “Io credo – ha detto Zingaretti –  che tutti sappiano che quello che è accaduto in Sicilia in qualche modo è un vulnus che divide. Quindi in un modo o nell’altro bisognerà tornare ad una riapertura di un dibattito e ristabilire i processi democratici di selezione della classe politica. Su questo non c’è dubbio”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.