Zona industriale Catania, Mazzeo e Giuffrida (Ugl): "Zes speranza per un incremento occupazionale" :ilSicilia.it

Zona industriale Catania, Mazzeo e Giuffrida (Ugl): “Zes speranza per un incremento occupazionale”

20 Agosto 2019

Dopo anni di sofferenze e di gravi problematiche, sembra che alla Zona industriale di Catania qualcosa di positivo stia iniziando a muoversi“. A sottolinearlo è la Ugl di Catania, tramite le federazioni provinciali Metalmeccanici e Chimici, dirette rispettivamente da Angelo Mazzeo e Carmelo Giuffrida.

La maggiore attenzione profusa in questi mesi dalle istituzioni regionali e comunali nei confronti del sito produttivo etneo sta iniziando a mostrare i suoi frutti. E’ chiaro che ancora oggi i problemi sono innumerevoli, – sottolineano i due rappresentati sindacali – ma l’approccio operativo messo in campo fa ben sperare per la soluzione di questi con l’avvio di quegli interventi da tempo richiesti, a partire da quelli previsti nel “Patto per Catania”. Non ci dimentichiamo, infatti, che ancora oggi purtroppo ci sono strade da sistemare, il ponte sull’ottava strada da mettere in sicurezza, impianti pubblici per l’illuminazione da ripristinare e la videosorveglianza da completare, in un’area sempre più frequentata quotidianamente da migliaia di lavoratori delle aziende e delle imprese facenti parte dell’indotto“.

Abbiamo apprezzato i primi interventi effettuati ed il costante interesse verso tutte quelle ataviche emergenze, che negli anni abbiamo denunciato e che speriamo a breve possano essere definitivamente risolte a partire dalla mancanza dell’acqua in alcuni blocchi della zona industriale. Facciamo anche un plauso per le manutenzioni già effettuate,  – continuano Mazzeo e Giuffrida – ed auspichiamo che la macchina del ripristino non si fermi qui anche in funzione delle attività di prevenzione, come ad esempio quella relativa al rischio idrogeologico“.

Sono tutti piccoli spiragli di luce che ci fanno ben augurare per il rilancio del polo produttivo, così come un segnale di speranza forte è senza dubbio l’approvazione, da parte della Giunta regionale, della Zona economica speciale che, tra le altre, ingloba anche la zona industriale di Catania. Il nostro auspicio è che la lunga attesa, adesso, non venga interrotta da un’infinita crisi del Governo nazionale, ma che proceda a passo spedito nelle sedi romane preposte, perché per la nostra città metropolitana e per l’intera Sicilia rappresenta un indispensabile strumento di sviluppo e di incremento occupazionale“, chiosano i due rappresentanti dell’UGL.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.