Zone blu a Palermo: "Che fine ha fatto il contenzioso con Apcoa?" :ilSicilia.it
Palermo

L'interrogazione di Paolo Caracausi

Zone blu a Palermo: “Che fine ha fatto il contenzioso con Apcoa?”

di
6 Giugno 2018

«Apcoa: 1,4 milioni di euro da restituire entro 60 giorni. E’ un conto piuttosto salato quello presentato oggi dal Comune alla società ‘Panormus2000’, che nel 2005 realizzò il parcheggio multipiano di Piazza Vittorio Emanuele Orlando col sistema del project financing e che in cambio ottenne una Convenzione novantennale per la gestione dello stesso parcheggio e per la gestione di migliaia di stalli di sosta ‘blu‘ in diverse zone della città. Gestione poi trasferita ad Apcoa». Scriveva così in una nota del 4 Dicembre 2015 il Comune di Palermo.

Paolo Caracausi
Paolo Caracausi

Da allora sono passati quasi 3 anni e nessuna notizia è arrivata in merito al contenzioso con l’Apcoa. Per questo motivo il consigliere comunale del Mov139 in quota Idv Paolo Caracausi, ha presentato un’interrogazione in merito: «Il Comune di Palermo ci dica che fine ha fatto il contenzioso con l’Apcoa sull’extragettito da 1,4 milioni di euro e soprattutto che tipo di controllo l’Amministrazione esercita sul rispetto della convenzione sugli stalli a pagamento».

Giusto Catania
Giusto Catania

Dello stesso avviso il capogruppo di Sinistra Comune, Giusto Catania, che due mesi fa rilanciava: «Ci chiediamo che fine abbiano fatto 1,4 milioni di euro dovuti dalla società Panormus2000/Apcoa. La restituzione della somma di cui è debitrice Apcoa è stata oggetto di un provvedimento già da tempo notificato ai destinatari senza riscontro alcuno. Gli importi devono essere rimborsati per il progetto di project financing grazie al quale è stato realizzato il parcheggio multipiano sotto il Tribunale, che ha però determinato una abnorme distribuzione e gestione delle zone ‘blu’ a Palermo. Sono svariate infatti le criticità e le anomalie, a partire dalla convenzione novantennale per la gestione del parcheggio e di migliaia di stalli di sosta ‘blu’ in diverse zone della città».

apcoaDavvero inusuale la concessione per ben 90 anni. E Caracausi aggiunge: «Chiediamo inoltre chiarimenti sulla disparità di trattamento tra Vigili del fuoco e Carabinieri: perché negare gli stalli ai primi e invece concederli ai secondi? Ci giunge notizia dai sindacati che il Comune abbia negato alla Direzione provinciale dei Vigili del Fuoco la concessione di alcuni parcheggi perché di appannaggio dell’Apcoa – spiega Caracausi – ma ha invece concesso gli stalli al Comando dei Carabinieri di via Favara, dove le zone blu sono diventate gialle. Perché questa disparità? Quanto ha perso il Comune concedendo questi stalli? E soprattutto, che fine ha fatto l’extragettito da 1,4 milioni che il Comune ha chiesto ad Apcoa?»

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Balzebù
di Balzebù

Cancelleri, ma la lista civica non garantisce l’elezione

Il Movimento 5 stelle è ormai un’accozzaglia di correnti. Da un lato Luigi Di Maio, da un altro lato Alessandro Di Battista, da un altro ancora Roberto Fico ed ancora-ancora Paola Taverna. Poi ci sono le sottocorrenti che a loro volta si suddividono in gruppi e sottogruppi. In questo frastagliato mosaico è molto difficile capire dove collocare i pentastellati siciliani, sia quelli eletti al parlamento nazionale che quelli eletti all’Ars.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Giotto e i Messicani

Non chiedetevi “cosa potete fare per il vostro paese” ma solamente “A cu appartieni?”. Lo scoglio insulare dove si infrange quello che potrebbe essere il nostro "sogno americano".
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin