Zone Blu, falsifica il tagliando e viene condannato a tre mesi di carcere :ilSicilia.it
Palermo

Lo ha deciso il Tribunale di Palermo

Zone Blu, falsifica il tagliando e viene condannato a tre mesi di carcere

di
14 Aprile 2017
zone bluLa denuncia era scattata dopo che la polizia municipale e gli ausiliari del traffico dell’Amat lo avevano trovato con un tagliando di abbonamento Zone blu falso. Adesso, a chiusura del processo, per S.L. è arrivata la condanna a due mesi e venti giorni di reclusione oltre al pagamento delle spese processuali per tremila euro.

A pronunciarsi è stata la terza sezione penale del Tribunale di Palermo, che ha ritenuto l’imputato colpevole del reato a lui ascritto e ha emesso la condanna. L’Amat si è costituita parte civile. L’azienda insisterà per ottenere la quantificazione del danno in sede civile.  “Questa sentenza – commenta Antonio Gristina, presidente dell’Amat – conferma la bontà dell’azione di contrasto svolta dai nostri operatori verso i fenomeni fraudolenti, così come viene quotidianamente determinato dall’azienda, che trovano poi conforto nell’azione della magistratura, con condanne esemplari”.

Per il sindaco Leoluca Orlando, “ancora una volta è giusto ribadire che perché i servizi pubblici funzionino e possano avere tariffe corrette, è giusto che tutti paghino perché tutti possano pagare meno. Questa vicenda dimostra che chi tenta di fare il furbo perché si crede più furbo, finisce col pagare pesantemente per le proprie responsabilità”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Balzebù
di Balzebù

Cancelleri, ma la lista civica non garantisce l’elezione

Il Movimento 5 stelle è ormai un’accozzaglia di correnti. Da un lato Luigi Di Maio, da un altro lato Alessandro Di Battista, da un altro ancora Roberto Fico ed ancora-ancora Paola Taverna. Poi ci sono le sottocorrenti che a loro volta si suddividono in gruppi e sottogruppi. In questo frastagliato mosaico è molto difficile capire dove collocare i pentastellati siciliani, sia quelli eletti al parlamento nazionale che quelli eletti all’Ars.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Giotto e i Messicani

Non chiedetevi “cosa potete fare per il vostro paese” ma solamente “A cu appartieni?”. Lo scoglio insulare dove si infrange quello che potrebbe essere il nostro "sogno americano".
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin