Zone franche montane, Miccichè: “Al via la discussione del ddl-voto dell’Ars in commissione Finanze del Senato :ilSicilia.it

la dichiarazione

Zone franche montane, Miccichè: “Al via la discussione del ddl-voto dell’Ars in commissione Finanze del Senato”

di
13 Gennaio 2021

Ho appreso con soddisfazione che la commissione Finanze e Tesoro del Senato ha deciso di avviare la discussione generale per l’istituzione delle Zone franche montane in Sicilia, accogliendo il disegno di legge-voto approvato dall’Assemblea regionale siciliana. L’ufficio di presidenza della commissione Finanze e Tesoro del Senato, allargato ai rappresentanti dei gruppi, ha giudicato la proposta meritevole di attenzione”. Cosi’ il presidente dell’Assemblea regionale siciliana, Gianfranco Micciché.

IL COMMENTO DEL COMITATO

Nella contrada Irosa, a Petralia Sottana (Palermo) dove il comitato promotore della legge per l’istituzione delle Zone franche montane e’ giunto al trentaquattresimo giorno di presidio, e’ arrivato il presidente dell’Ars Gianfranco Micciche’ che ha confermato la notizia che la commissione Finanza e Tesoro del Senato ha deciso di dare priorita’ all’esame per l’istituzione delle Zfm approvate dall’Ars il 17 dicembre 2019. “A nome del comitato e dei 133 sindaci interessati esprimiamo gratitudine nei confronti della Commissione – dice Vincenzo Lapunzina coordinatore del gruppo – presieduta dal senatore Luciano D’Alfonso. Grazie anche ai presidenti Casellati e Micciche’ che stanno seguendo da vicino l’iter legislativo. La notizia di oggi ci permette di guardare al futuro con fiducia. Continueremo a presidiare lo svincolo di Irosa, certi che l’iter continuera’ speditamente fino a potere sentire che la Camera approva la legge”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin