Ztl a Palermo, Confimprese: "Danni evidenti per le aziende" :ilSicilia.it
Palermo

lettera al presidente del consiglio comunale

Ztl a Palermo, Confimprese: “Danni evidenti per le aziende”

di
12 Agosto 2019

Con una lettera inviata al presidente del Consiglio comunale di Palermo, Salvatore Orlando, il presidente di Confimprese, Giovanni Felice ha sollevato la questione dell’utilità del mantenimento dell’attuale Ztl.

Secondo Felice “i danni fatti dalla Ztl sono evidenti, basta passare per via Roma, via Bandiera o Lattarini, o da via Sant’Agostino, per rendersi conto di quante aziende abbiano chiuso i battenti e come, tranne qualche attività di somministrazione, queste attività restano chiuse. Quel che è peggio è che la prospettiva può solo peggiorare, forse miglioreranno gli affari per i pubblici esercizi che si trovano nelle ‘isole che non ci sono’, forse nascerà qualche altro locale pubblico per la gioia dei residenti, ma nella sostanza il tessuto economico e la morfologia della zona continuerà a deteriorarsi“.

Felice propone che venga attuato, da parte del Consiglio Comunale “un provvedimento contestuale che faccia delle isole pedonali finte delle isole pedonali vere con tanto di delibera del Consiglio Comunale, e che vada ad abrogare la Ztl, anche in relazione al fatto, che per stessa ammissione di sindaco e assessore alla Mobilità, l’introduzione dei provvedimenti destinati a migliorare il servizio pubblico si vedranno al 2023 al 2030“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

La rabbia e il giro del corridoio magico

Benvenuti nel mio “corridoio magico” dal quale mi auguro uscirete cambiati grazie all’induzione e all’attivazione dell’energia inconscia che rivoluziona e riassetta i processi spontanei di autoguarigione ed evoluzione
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.