Ztl a Palermo, dopo la sentenza del Tar Catania rilancia: "Ampliamola" :ilSicilia.it
Palermo

L’annuncio dell’assessore

Ztl a Palermo, dopo la sentenza del Tar Catania rilancia: “Ampliamola”

di
11 Luglio 2020

Dopo la sentenza del Tar,  per l’assessore Catania non si torna più indietro per la Ztl a Palermo… “anzi si amplia”.

Ancora una volta un tribunale ha dato ragione al Comune: la Ztl è legittima, oltre che necessaria per tutelare la salute e migliorare la mobilità urbana. Il giudizio di merito – ha affermato Catania a seguito della sentenza- è perentorio e credo che nessuno più possa continuare a mettere in discussione”.

L’assessore non si è fermato a esultare e, sui suoi canali social, ha fatto un altro annuncio che potrebbe essetr nuovamente contestato, ma lui non si preoccupa di affrontare nuovamente il Tar.

L’annuncio

“Dopo cinque pronunciamenti di diversi tribunali, che hanno dato ragione al Comunescrive l’assessore –, ritengo che si possa fare un salto di qualità nel dibattito pubblico  partendo dal presupposto che la limitazione della pressione veicolare privata è necessaria per migliorare la qualità dell’aria, tutelare la salute dei cittadini, rendere più fluida la mobilità urbana, per rendere più attraenti ai turisti i nostri monumenti”.

La Giunta mi ha dato mandato di avviare il percorso per l’ampliamento della ZTL, facciamo un confronto libero da pregiudizi e da egoismi di parte su come rendere ancora più efficace questa misura”.

“Avanzo una proposta e mi rivolgo a forze politiche, consiglieri comunali, organizzazioni di categoria, associazioni ambientaliste, palermitane e palermitani: adesso confrontiamoci nel merito – prosegue -. Discutiamo sul futuro della città, acquisendo come dato ineludibile che l’invasione indiscriminata delle automobili è la rappresentazione di un modello insostenibile di città”.

“Le pedonalizzazioni, il Tram e la ZTL sono pezzi di una stessa visione ed è ampiamente dimostrato che tali misure hanno apportato giovamento anche all’economia della città”, sostiene Catania.

L’ampliamento della ZTL e delle aree pedonali sono un obbligatorio adempimento di civiltà, una necessità per la tutela della salute collettiva, un contributo alla salvaguardia dell’ambiente, una misura per rilanciare l’economia in crisi conclude -. Discutiamo nel merito: io sono pronto. Tutta la giunta è pronta. Poi ognuno è libero di continuare a fare ricorso al TAR, se lo riterrà utile, ma certamente non potrà dire di non essere stato ascoltato.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.