ZTL a Palermo, Fasola (Ugl): "Orlando si incaponisce con un provvedimento impopolare" :ilSicilia.it
Banner Bibo
Palermo

Le dichiarazioni del sindacalista

ZTL a Palermo, Fasola (Ugl): “Orlando si incaponisce con un provvedimento impopolare”

di
9 Gennaio 2020

Nella serata di mercoledì 8 gennaio, si è tenuta al Consiglio Comunale di Palermo una seduta fiume avente come ordine del giorno la spinosa questione della Ztl, durata più di dieci ore che si è conclusa con un vero e proprio buco nell’acqua per il Sindaco e la sua giunta.

Sulla vicenda Ztl non fa mancare il suo contributo, l’Ugl di Palermo, un pungolo continuo nell’attività del sindaco Orlando.

“Finalmente una presa di posizione che viaggia sulle ali del buon senso ma non basta, – spiega Franco Fasola, Segretario dell’Ugl – Unione territoriale di Palermo – ci sono volute tante sollecitazioni che venivano dai cittadini, dai commercianti e dalle associazioni di categoria e ben 300 emendamenti e decine di pregiudiziali per dare mandato a Orlando di emettere una nuova ordinanza il quale che si incaponisce con un provvedimento impopolare come quello della Ztl notturna, mentre trascura i veri problemi della città”.

 

 

LEGGI ANCHE:

Palermo, Ztl notturna posticipata al 31 gennaio: nuovi orari in base alle stagioni

Ztl notturna, il day after di Orlando e gli attacchi: “Un buco nell’acqua”

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin