Ztl a Palermo, Ferrandelli: "Orlando diserta l'Aula, irrispettoso e dittatoriale" :ilSicilia.it
Palermo

BRACCIO DI FERRO CON IL CONSIGLIO COMUNALE

Ztl a Palermo, Ferrandelli: “Orlando diserta l’Aula, irrispettoso e dittatoriale”

di
12 Agosto 2020

“Oggi in Aula avremmo dovuto affrontare il tema complesso della mobilità e del rispetto della nostra mozione per lo stop a Ztl e zone blu alla presenza del Sindaco e della giunta. Con una nota di poche ore prima il Sindaco ha disertato l’incontro rendendosi disponibile soltanto dopo ferragosto. Un comportamento davvero irrispettoso, irriverente, menefreghista e dittatoriale. Sopratutto perché la modalità di riunione da remoto rendono compatibile la connessione è la presenza da qualsiasi posto, anche da quello di vacanza”. 

Lo ha detto il leader dell’opposizione in Consiglio Comunale, Fabrizio Ferrandelli.

“Riteniamo grave la disapplicazione della volontà del consiglio comunale. – aggiunge l’esponente nazionale di +Europa – Molti cittadini sono convinti che il voto della mia mozione abbia determinato il ritiro delle ordinanze Ztl e zone blu che il Sindaco, invece, ad oggi disattende, creando così confusione. Centinaia, infatti, sono state le multe elevate in queste ore a cittadini incolpevoli di questo scontro istituzionale in corso. Il caos regna sovrano a Palermo e la disaffezione è crescente.

 Immaginare altri 2 anni di questa gestione appare difficile e sebbene ogni amministrazione si il frutto della volontà popolare che la esprime, chiamando a corresponsabilità molti elettori oggi delusi e pentiti, credo che lo sforzo dei prossimi mesi debba essere concentrato nel tentativo della conclusione anticipata di questo mandato per ritornare presto al voto”.

 

 

LEGGI ANCHE:

Ztl centrale e notturna: fioccano le multe a Palermo

Ztl a Palermo, il comune non molla. Ecco gli orari e le modalità di accesso

Ztl notturna a Palermo: oltre mille multe nel giro di una notte

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.