Ztl a Palermo, Gelarda e Luparello: "Si sospenda fino a fine pandemia o a fine mandato di Orlando" :ilSicilia.it
Palermo

la richiesta della Lega

Ztl a Palermo, Gelarda e Luparello: “Si sospenda fino a fine pandemia o a fine mandato di Orlando”

di
15 Febbraio 2021

“Tra appena dodici ore scade la sospensione della ZTL e, come ogni volta, il duo Catania-Orlando non è stato in grado di dire con un minimo di dignitoso anticipo se la ztl riprenderà o meno da domani”. A dichiararlo è il capogruppo della Lega Igor Gelarda insieme alla responsabile provinciale dei giovani Elisabetta Luparello.

E’ così difficile stabilire qualcosa con almeno 24 o 48 ore di anticipo, per evitare ulteriori disagi ai cittadini? E’ assurdo che ogni volta la città debba sapere se la ztl riprende o meno a poche ore dalla scadenza del provvedimento. Questa purtroppo è una cattiva prassi di questa amministrazione. L’unica cosa logica da fare, è che è la richiesta della Lega, è quella di sospendere questa ztl fino alla fine dei problemi collegati al Coronavirus, o ancor meglio fino alla fine del mandato di Orlando, tra 12 mesi, in modo tale che la prossima amministrazione comunale avrà la possibilità di ridisegnare e riprogrammare la ztl in maniera logica e veramente utile per la qualità dell’aria della città e non danneggi le attività commerciali- concludono Gelarda e Luparello.”

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin