Ztl, Ballarò di nuovo raggiungibile in auto | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

Accolte le richieste di esercenti e associazioni di quartiere

Ztl, Ballarò di nuovo raggiungibile in auto

28 Novembre 2016

 

Ufficialmente attiva l’ordinanza che modifica il percorso delle Ztl cittadine e da oggi via Mongitore e via Cesare Battisti tornano accessibili alle auto.

Il Comune di Palermo ha accolto le istanze portate avanti negli ultimi mesi dai commercianti e dai rappresentanti dell’associazione Mercato storico di Ballarò e Sos Ballarò, che avevano presentato all’amministrazione proposte concrete “Per mediare tra la necessità di abbassare i livelli di inquinamento – spiega Marco Sorrentino di Sos Ballarò – e le particolari esigenze di un quartiere in pieno rilancio e di un mercato che lotta per la sopravvivenza“. Da oggi stesso infatti è attiva la modifica al provvedimento delle zone a traffico limitato che rende nuovamente accessibili alle automobili via Antonio Mongitore e via Cesare Battisti, entrambe fuori dal Mercato ma utili per raggiungere il crocevia commerciale di Ballarò.

ztl3

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.