ZTL notturna a Palermo, la protesta di pub e ristoranti: "Prima parcheggi e navette" | VIDEO Interviste :ilSicilia.it
Palermo

LE VOCI DELLA MOVIDA

ZTL notturna a Palermo, la protesta di pub e ristoranti: “Prima parcheggi e navette” | VIDEO Interviste

31 Dicembre 2019

GUARDA IL SERVIZIO IN ALTO

interviste di Davide Guarcello e Manlio Melluso

 

Non solo isole pedonali e cantieri infiniti. A Palermo sta per arrivare la nuova, ennesima, rivoluzione alla viabilità: dal 10 gennaio 2020 parte infatti la ZTL notturna.

Il perimetro sarà sempre lo stesso, gli orari cambieranno: non solo la mattina; nei primi tre mesi anche dalle 22:30 fino alle 6 del giorno successivo; dal 17 Aprile, dopo questi 3 mesi di “rodaggio”, sarà estesa dalle ore 20 fino alle 6 del giorno successivo.

Tanti i timori tra i commercianti del Centro Storico palermitano. Il provvedimento – voluto fortemente dall’assessore alla Mobilità Giusto Catania, nonostante il NO delle associazioni di categoria – è stato sposato in toto e imposto dal sindaco Leoluca Orlando (in barba al suo slogan “Facciamo Squadra”)

Anche in Consiglio Comune, malumori nella maggioranza, con un una nota congiunta di Valentina Chinnici, Paolo Caracausi, Massimo Giaconia e Toni Sala (di Avanti Insieme), contrari a questa imposizione dall’alto, senza il dialogo col Consiglio e senza telecamere attive (ad oggi ne sono attive solo 5 su 28).

Siamo stati quindi in alcuni dei locali più frequentati dai giovani nei weekend, che animo la movida palermitana. Ma anche in alcuni ristoranti. Il nostro speciale tour comincia dalla zona del Teatro Massimo, e precisamente in via dell’Orologio, a pochi passi dall’isola pedonale di via Maqueda.

Peppe Ciulla
Peppe Ciulla

Qui facciamo tappa prima al “Vespa Cafè, locale molto in voga tra i ragazzi della città: «Io sono favorevole alla Ztl notturna, anche se – spiega il titolare Peppe Ciulla dovrebbe essere sostenuta da servizi per permettere (sia per la i locali della movida, sia per le altre attività commerciali) di raggiungerli. Dovrebbero esserci servizi pubblici ad hoc, quali busnavette notturne e soprattutto i parcheggi… Insomma in teoria, paradossalmente, la Ztl potrebbe anche tornare utile al commercio, ma deve essere sostenuta da servizi per aiutare i fruitori a raggiungere i luoghi di interesse. Non so se ci saranno cali di incassi, ma sono fiducioso».

Modesto Marchese

Accanto c’è il “Ristorante-Pizzeria Italia, dove il titolare Modesto Marchese, invece non le manda a dire alla Giunta Orlando: «Non bastano le varie tasse che paghiamo, le strisce blu, ci mancava pure la Ztl notturna. Chiedo al sindaco un po’ di buon senso. Non ha alcun significato far pagare i cittadini per entrare nella Ztl. Quindi se io pago, posso inquinare quanto voglio? Così farà chiudere le attività. Se i miei colleghi commercianti fossero d’accordo, io sarei perfino disposto a posare le licenze, e gli farei pagare a loro tutte le tasse: dalle assicurazioni per i basolati, al suolo pubblico, alle altre regole che servono solo a fregare o torturare chi crea lavoro».

Fabio Ciulla, il Siciliano
Fabio Ciulla

Più soft la posizione del pub “Il Siciliano” gestito da Fabio Ciulla: «Io non riesco ancora ad avere la percezione di come andrà la nuova Ztl notturna. Il sindaco ha deciso questa cosa in autonomia, e questo un po’ mi ha seccato… ma sono sicuro che i palermitani prima o poi si abitueranno. Non so se politicamente è una mossa per fare cassa, ma di sicuro come ci siamo abituati alle aree pedonali, ci abitueremo anche a questo. A priori non so dire se ci sarà un calo di incassi, ma di sicuro non vedremo un incremento».

Salvo Palmeri

Spostandoci verso la zona di Piazza Sant’Anna, ecco Salvo Palmeri, titolare di Bruto Brasserie, che solleva la

questione della differenza di età di chi accede alla Ztl nelle ore notturne del week end: “Sulle attività con un target giovane, tra i venti e i trent’anni – afferma –, non penso incida più di tanto. Le attività con un target più anziano, invece, quella clientela per intenderci che ha la necessità di posteggiare vicino a dove va a mangiare, sicuramente possono riscontrare grosse difficoltà“.

Infine, Nazareno Ferrari, titolare dell’Extra Hop, dipinge scenari tragici per il futuro di pub e ristoranti in zona:

Nazareno Ferrari

Ci sarà una moria – afferma – Come si è verificato per le attività diurne, ci sarà un calo degli avventori. Il palermitano medio che è abituato ad andare in Centro storico per passare le sue serate troverà altri posti dove andare, dove non ci sono pedaggi da pagare“.

L’ipotesi più accreditata, infatti, è che il traffico si sposterà su altre zone della movida, escluse dal perimetro della Ztl, quali via Isidoro La Lumia.

 

Mappa ZTL Palermo - ANSA CENTIMETRI
Mappa ZTL Palermo [ANSA CENTIMETRI]

LEGGI ANCHE:

Ztl notturna a Palermo, il via dal 10 gennaio alle 22,30, ma da aprile scatterà alle 20

Il sindaco Orlando dimentica il suo slogan “Facciamo squadra” e va avanti sulle ztl notturne

Ztl notturna a Palermo, anche la maggioranza contro Giusto Catania: “Il sindaco faccia dietrofront”

I lettori de ilSicilia.it sono contro la Ztl notturna a Palermo: i risultati del sondaggio

© Riproduzione Riservata
Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Magistratura e politica

Dal blog "Segreti e non misteri", Alberto Di Pisa riflette sul difficile rapporto fra magistratura e politica, in uno sistema di diritto come quello italiano.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.