Ztl notturna, Bonanno (DB): "La gente chiede solo le dimissioni di Orlando e Catania" :ilSicilia.it
Palermo

L'intervento del componente della direzione regionale

Ztl notturna, Bonanno (DB): “La gente chiede solo le dimissioni di Orlando e Catania”

di
14 Novembre 2019

“Errare è umano, perseverare è diabolico. Questo è quello che sta facendo l’amministrazione Orlando in merito alla ZTL. Un’amministrazione sorda alle istanze della gente che sfrutta ogni possibilità per fare cassa”. Queste le parole di Domenico Bonanno, componente della direzione regionale di Diventerà Bellissima, che critica duramente l’Amministrazione Orlando in merito ai recenti provvedimenti sulle zone a traffico limitato.

“L’istituzione della ZTL notturna ne è un chiaro esempio: mancano i parcheggi, i servizi scarseggiano e la città ogni giorno che passa è sempre meno sicura: in che modo il sindaco pensa di incentivare i cittadini a lasciare la sera le auto a casa per muoversi a piedi o con i mezzi pubblici? È chiaro che ci sia bisogno di regolamentare la vita notturna, contrastando abusi ed illegalità e venendo incontro alle legittime esigenze dei residenti, ma un provvedimento del genere non risolve il problema, punisce gli esercenti delle zone interessate e costringe i cittadini a fare il pass per l’accesso”.

Un’Amministrazione saggia”, conclude Bonanno, “dovrebbe ascoltare le esigenze e gli interessi di tutte le parti coinvolte, delineando un punto di incontro e provvedimenti condivisi, tutto l’opposto di quanto fatto da Orlando e co. Giusto Catania se ne faccia una ragione, l’unica cosa che chiede la gente sono le loro dimissioni”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.