Ztl notturna, il day after di Orlando e gli attacchi: "Un buco nell'acqua" :ilSicilia.it
Palermo

Le reazioni dei consiglieri comunali

Ztl notturna, il day after di Orlando e gli attacchi: “Un buco nell’acqua”

di
9 Gennaio 2020

I consiglieri comunali di Palazzo delle Aquile hanno fatto l’alba. E non a causa di un party esclusivo ma per discutere della ztl notturna, diventata la ‘telenovela’ del capoluogo siciliano. Il sindaco ha ribadito la propria posizione rispetto alla proposta dell’assessore Giusto Catania, che a breve diventerà realtà.

Ma non così presto come era stato annunciato (la ztl notturna sarebbe dovuta entrare in vigore il 10 gennaio). Dopo 10 ore d’aula, infatti, il consiglio comunale ha dato mandato al sindaco di emettere un nuovo provvedimento: una ztl notturna stagionale, di fatto già sulla scrivania di Orlando dopo la riunione che lo stesso aveva avuto con la sua maggioranza qualche giorno fa. Proprio i consiglieri comunali alleati del primo cittadino fanno quadra attorno al sindaco, anche se i “mal di pancia” non sono pochi e il prezzo da pagare è alto.

Sulla Ztl notturna non arretriamo di un millimetro – afferma il sindaco Leoluca Orlando in una nota -, apprezzando il fatto che la maggioranza consiliare abbia voluto manifestare il sostegno alla misura individuando, in un documento che ha trovato l’approvazione di 22 consiglieri, alcuni aggiustamenti così da rendere il provvedimento condiviso sia dalla Giunta che dalla maggioranza consiliare. Abbiamo scelto di confrontarci col consiglio comunale sull’estensione della ztl notturna, malgrado la competenza sia del sindaco e della Giunta, per trovare una condivisione su una visione di città che sceglie, sempre di più, la sostenibilità e la vivibilità. Spiace che, dopo dieci ore di seduta, con argomenti che non rendono merito al ruolo delle istituzioni, le minoranze abbiamo impedito che il consiglio comunale si potesse esprimere. Riteniamo importante che ci sia una maggioranza di consiglieri che ha espresso sostegno sulla visione di città e, pertanto, la ztl notturna entrerà in vigore dopo i passaggi tecnici necessari per rendere operativo il provvedimento (nuova delibera di giunta e nuova ordinanza), in ogni caso non oltre il mese di gennaio“.

Gruppo consiliare Sinistra Comune

Dello stesso tenore politico le dichiarazioni del gruppo comunale di sinistra comune formato da Barbara Evola, Fausto Melluso, Katia Orlando, Marcello Susinno. “Adesso la Giunta vada avanti, cosi come ha chiesto la maggioranza, su tutti i provvedimenti indicati nel documento firmato da 22 consiglieri. Si acceleri, oltre che per l’istituzione della Ztl notturna che renderà più vivibile il Centro storico anche nelle ore notturne,  per la pedonalizzazione definitiva del Cassaro e di via Maqueda; per il completamento dell’itinerario arabo-normanno;  per la predisposizione del sistema di controllo elettronico del varchi Ztl e delle aree pedonali  e per la realizzazione della Ztl 2”.

Gruppo consiliare Lega Salvini Premier

Non la pensa allo stesso modo chiaramente l’opposizione. “Il sindaco Orlando esce fortemente indebolito dallo scontro di questa notte in consiglio comunale – dichiarano Igor GelardaAlessandro Anello, Marianna Caronia ed Elio Ficarra della Lega – Il sindaco avrebbe voluto che l’intero consiglio comunale avallasse questo suo scriteriato progetto di Ztl senza i servizi accessori necessari, ma la strenua opposizione delle minoranze, con la Lega in testa, durata fino alle 5 di mattina glielo ha impedito. Tutto questo rende non soltanto Orlando e l’ assessore Catania politicamente più deboli, insieme a tutta la maggioranza. Ma soprattutto rende debole questa ordinanza sulla ztl. Infatti, In base alla legge regionale 3 del 17/03/2016, per istituire o modificare una Ztl è necessario che la amministrazioni comunali abbiano un regolamento apposito di cui il comune di Palermo però non si è mai dotato. Il provvedimento – concludono i consiglieri del Carroccio  verrà dunque impugnato e certamente sospeso. Una situazione simile, per certi versi, a quella che si è verificata qualche anno fa quando venne impugnata e bloccata la Ztl 2″.

Sabrina Figuccia
Sabrina Figuccia

Per Sabrina Figuccia dell’Udc. “Una seduta fiume, durata più di dieci ore, che si è conclusa con un vero e proprio buco nell’acqua per il sindaco e la sua giunta. Non è bastata infatti la presenza del professore in aula per sostenere fino in fondo un provvedimento inviso ai palermitani. L’assemblea di Sala delle Lapidi, in quanto rappresentante del popolo, non può rimanere soggetto passivo rispetto ad una Giunta che arriva al paradosso di voler assorbire persino le specifiche prerogative del Consiglio Comunale. Il sindaco – prosegue Figuccia – deve ascoltare i palermitani, tenendo conto del malessere dei tantissimi residenti e commercianti che sono ormai esasperati da un continuo gioco di potere che scatta in avanti su vicende inutili come la Ztl e lascia invece dormire nei cassetti provvedimenti assolutamente essenziali per la città”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin