Ztl notturna, la Lega difende il ricorso e attacca Catania: "Incompetente e arrogante" :ilSicilia.it
Palermo

La nota del Carroccio

Ztl notturna, la Lega difende il ricorso e attacca Catania: “Incompetente e arrogante”

di
24 Gennaio 2020

Il gruppo consiliare della Lega prende le distanze in maniera netta e decisa dalle dichiarazioni inopportune e scomposte dell’assessore Giusto Catania“: a dirlo è il capogruppo della Lega a Palazzo delle Aquile Igor Gelarda, insieme agli altri consiglieri del Carroccio Marianna Caronia, Alessandro Anello ed Elio Ficarra.

Probabilmente l’assessore Catania non si è reso neanche conto della gravità delle sue parole, allorché paragona un ricorso amministrativo, e quindi fare un legittimo ricorso alla legge, con un ‘mettere mano alla pistola’, come ha detto lui testualmente. È vergognoso che a fare queste dichiarazioni sia un rappresentante di un’amministrazione comunale. Già eletto consigliere e ora inspiegabilmente, almeno a nostro parere, scelto come assessore alla mobilità“.

La Lega – prosegue la nota del Carroccio – prende le distanze da tali dichiarazioni. Chiediamo anche che ciascun consigliere si dissoci da tale modo di esprimersi. Vogliamo sapere il sindaco cosa ne pensa di queste dichiarazioni che sembrano mettere alla berlina un sacrosanto diritto come quello di ricorrere a un tribunale amministrativo . E chiediamo che tanto il sindaco quanto l assessore Catania vengano in aula a dare spiegazioni al Consiglio comunale e ai cittadini palermitani di queste insane parole, sperando che chiarisca quanto prima“.

Facciamo appello – concludono i quattro esponenti della Lega – ai 22 consiglieri della maggioranza. Che continuano a sostenere un assessore che sta dimostrando oltre a una certa incompetenza anche arroganza nei confronti dei cittadini e poca correttezza istituzionale nei confronti del consiglio comunale stesso“.

Leggi anche:

La ztl notturna potrebbe morire prima del tempo: in arrivo un ricorso al Tar

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin