Ztl notturna, tutti i dubbi di residenti e commercianti palermitani | Video :ilSicilia.it
Palermo

L'assemblea cittadina alla Real Fonderia

Ztl notturna, tutti i dubbi di residenti e commercianti palermitani | Video

di
9 Dicembre 2019

Guarda il video in alto

Mancano i controlli, il parcheggio non c’è, serve garantire la sicurezza. Sono tanti gli appunti alla Ztl notturna annunciata dall’amministrazione Orlando in centro storico.

In moltissimi hanno partecipato all’assemblea pubblica alla real Fonderia alla Cala. Ad aprire e coordinare il dibattito, il presidente della prima circoscrizione Massimo Castiglia, che ha avuto un bel da fare a moderare gli interventi.

Tanti i commercianti e i residenti del centro storico che hanno voluto dire la propria alla presenza del sindaco Leoluca Orlando, dell’assessore Giusto Catania e di tanti consiglieri comunali, di maggioranza e di opposizione.

Ma è stata un’occasione per parlare di tutto il centro storico. E anche in questo caso le problematiche sollevate sono state diverse: movida selvaggia, insonorizzazione dei locali e mancanza di sicurezza i problemi più dibattuti.

Per tornare alla ztl notturna, anche chi è favorevole, come Francesco Carnevale, presidente dell’associazione Via Roma chiede garanzie all’Amministrazione per gli esercenti commerciali.

Per Fabrizio Favuzza, del comitato Vucciria, “Se stiamo fermi non valorizziamo nulla. L’Amministrazione ha il dovere di cambiare. Dispiace vedere tanti consiglieri contrari, certe opposizioni sembrano strumentali“.

Al termine della riunione ha preso la parola il sindaco Leoluca Orlando, che ha ribadito la volontà dell’amministrazione di andare avanti sul progetto di ztl notturna: “Il centro storico è davvero cambiato, lo dimostra questa assemblea. La vera periferia di Palermo era il centro storico. Non è più così. Si è verificato un cambiamento. Perché si sono fatte delle scelte che inizialmente non erano condivise. Il dovere di un’amministrazione è andare contro i consensi per recuperare il consenso. Vi ricordate cosa abbiamo dovuto fare prima di pedonalizzare via Maqueda? – ha detto Orlando – Possiamo ‘annacarci’ ma questo processo non si arresta. C’ è qualcuno che pensa che possiamo tornare indietro – dice riferendosi al Cassaro basso – dopo gennaio? C’è un tempo per ogni cosa. L’ipotesi della ztl h24 è il punto final. E se qualche amico di qualcuno verrà danneggiato se ne farà una ragione”. Poi l’annuncio: “La ztl notturna partirà il 10 gennaio, non per le vacanze di Natale“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.