Ztl Palermo, la maggioranza si spacca: "La misura è colma, strappo ormai insanabile" :ilSicilia.it
Palermo

Barbara Evola attacca Italia Viva

Ztl Palermo, la maggioranza si spacca: “La misura è colma, strappo ormai insanabile”

di
4 Agosto 2020

La misura è colma. La posizione presa da Italia Viva e l’intervento in Aula sanciscono una frattura difficilmente sanabile all’interno della maggioranza. È inaccettabile la personalizzazione dello scontro politico. I temi legati alla mobilità rientrano nel programma elettorale di questa Amministrazione, intorno al quale si sono raccolte forze eterogenee. Vorrei ricordare che l’atto che ha reintrodotto la Ztl oggi è la scelta unanime di una giunta: bisogna trarre le conseguenze politiche del fatto che una forza non riconosce il ruolo del suo Assessore”. Lo ha dichiarato Barbara Evola, capogruppo di Sinistra Comune al Consiglio comunale.

catania evola“Chiederemo dunque al Sindaco – aggiunge – di ripensare alla composizione della Giunta se questa non è rappresentativa delle forze politiche. E ‘altrettanto inaccettabile la polemica sterile che continua a mettere in corrispondenza l’aumento o la stabilità degli affari  per i negozianti  con la circolazione delle macchine. Appartiene ad una visione vecchia e stantia che noi fermamente rifiutiamo”.

E proprio Leoluca Orlando ribatte così: “Con riferimento al dibattito e al voto del Consiglio comunale, credo utile ricordare che tempi e modalità di riattivazione della ZTL centrale a seguito della fine del lockdown e dell’aumento del traffico nel centro cittadino sono stati dibattuti dalla Giunta comunale, che all’unanimità ha adottato i provvedimenti conseguenti“.

Intanto il M5S esulta così: “Siamo soddisfatti. La proposta di sospensione della ZTL, ancora una volta, oltre a dare impulso al tessuto economico e produttivo della città che stenta a riprendersi dalle ferite post covid, mira ad agevolare gli spostamenti da e per il centro storico. Reintrodurla sarebbe stato illogico, pericoloso e vessatorio. Invitiamo l’assessore Catania a più miti consigli, ripensando a forme alternative di mobilità, incrementando il numero degli autobus in circolazione e migliorando il servizio di car e byke sharing. A beneficio di tutti, ricordiamo che chi paga inquina lo stesso!. Lo scrivono Concetta Amella, Antonino Randazzo e Viviana Lo Monaco.

Marianna Caronia
Marianna Caronia

Dello stesso tenore, la consigliera comunale Marianna Caronia: “L’approvazione della mozione contro la ZTL da parte del Consiglio comunale è l’ennesima sonora bocciatura per il duo Orlando-Catania, con il secondo che sempre più impone le proprie scelte ideologiche fuori dalla realtà all’Amministrazione e a tutti i cittadini di Palermo. Il Consiglio comunale ha mostrato la propria maturità e indipendenza dall’Amministrazione Orlando, con una maggioranza sempre più inesistente di cui il sindaco si ostina a non prendere atto. Mi aspetto l’immediato provvedimento di sospensione della ZTL da parte dell’Assessorato, in assenza del quale i consiglieri dovranno valutare ulteriori passi e, comunque, certamente non potranno non tenere conto al momento di votare la mozione di sfiducia al sindaco già presentata”. 

Giulio TantilloAnche Giulio Tantillo (Forza Italia) attacca la Giunta Orlando: “Il sindaco e la sua giunta prendano atto della volontà sovrana del consiglio, che ha chiesto la sospensione della ZTL e delle strisce blu. L’atto votato in consiglio mette in luce il malessere della città e la dicotomia tra il consiglio e l’amministrazione e nel contempo smentisce la linea della giunta sulla vicenda, sia chiaro la ZTL che esiste in tutte le città europee ha i suoi lati positivi ma in un momento di grande emergenza sociale la sospensione fino al 15 ottobre ci sembra necessaria. Diciamo basta alle pedonalizzazioni senza una programmazione che tenga conto delle esigenze dei commercianti dei residenti e del contesto urbano, sociale e del PGTU che attendiamo da anni. Atti come questi si condividono con tutti gli operatori del settore.  Annunciamo un forte ostruzionismo, nel rispetto del regolamento, agli atti del settore mobilità di questa amministrazione ormai politicamente inadeguata“.
Giulio Cusumano
Foto FB

Il consigliere della maggioranza Giulio Cusumano ha votato favorevolmente alla mozione di Stop alla ZTL: “Oggi in consiglio comunale ho votato  favorevolmente la mozione che impegna l’Amministrazione comunale alla sospensione dell ztl fino al 15 ottobre. Azione con me in Consiglio si è determina  Qui non c entra essere di maggioranza o fare opposizione, o essere a favore o contrari alla Ztl. Qui è essere coerenti e logici. Qualche mese fa votai per la sospensione della Ztl fino al 31 luglio perché questo era il Termine fissato del Governo per l’emergenza sanitaria. Successivamente Il Parlamento ha decretato lo stato di emergenza fino al 15 ottobre… conseguentemente avremmo dovuto mantenere la sospensione della Ztl fino al 15 ottobre. Sono rimasto coerente e logico no alla ztl in periodo di emergenza covid significa meno affollamento a bordo dei bus ed evitare disagi ai tanti commercianti in crisi! Resto a favore della Ztl, ma non in questo periodo. Il consiglio comunale ha votato favorevolmente. Speriamo che il Sindaco e l’assessore Catania capiscano l’esigenza di questa mozione, sospendendo immediatamente la Ztl”.

 

 

LEGGI ANCHE:

Palermo, il consiglio comunale approva la mozione per lo stop a ztl e zone blu

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.